Gli 8 migliori metri laser del 2022

Ultimo aggiornamento: 29.09.22

 

Metri laser – Opinioni, Analisi e Guida all’acquisto

 

I telemetri laser, o metri laser che dir si voglia, sono caratterizzati da un prezzo che varia in funzione della loro destinazione d’uso; i modelli più accurati per esempio, destinati all’uso professionale intensivo sui grandi cantieri, sono i più costosi. Tra i vari modelli attualmente disponibili in commercio, i più apprezzati sono soprattutto il Bosch Professional GLM 50 C, adatto per uso professionale non intensivo, e il Leica Disto D810 Touch, un metro laser ad alte prestazioni dotato di fotocamera integrata e destinato all’impiego sui grandi cantieri.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori metri laser – Classifica 2022

 

Di solito quando si esaminano strumenti e utensili elettrici destinati all’edilizia, i modelli di categoria hobbistica tendono sempre a occupare i primi posti; in questo caso invece, è il contrario. La nostra classifica degli otto migliori metri laser, infatti, si apre con tre modelli professionali.

 

 

Metro laser Bosch

 

1. Bosch Professional GLM 50 C distanziometro laser con Bluetooth

 

Ci sono diverse ragioni per cui il metro laser Bosch è uno dei modelli più venduti; la più importante però, secondo i pareri degli acquirenti, consiste soprattutto nel suo eccellente rapporto qualità-prezzo.

Il costo dei prodotti per uso professionale, infatti, aumenta proporzionalmente insieme al livello di prestazioni offerte; di conseguenza maggiore è la precisione e più costoso è il dispositivo. Il GLM 50 C, invece, è ritenuto uno dei migliori metri laser del 2022 proprio perché la ditta tedesca Bosch è riuscita a progettare e produrre uno strumento perfettamente equilibrato in termini di costo e prestazioni.

Lo strumento è alimentato da due batterie AA ed è completo di custodia protettiva, ha un raggio utile da 0,05 a 50 metri, un display a colori retroilluminato ed è dotato anche del modulo Bluetooth per interfacciarsi con dispositivi Android e iOS; misura lunghezze, superfici e volumi ed è ideale per l’uso cantieristico.

 

Pro

Rapporto qualità-prezzo: Tra i diversi modelli professionali venduti online, difficilmente riuscirete a trovare un metro laser con un livello di prestazioni analogo al GLM 50 C disponibile un costo simile o inferiore.

Versatile e preciso: Le letture possono essere visualizzate nella scala metrica o imperiale; misura lunghezze, volumi e aree, può memorizzare fino a 30 misurazioni e ha uno scarto di precisione di +/- 1,5 millimetri e +/- 0,2° appena.

Bluetooth e App: Integra un modulo Bluetooth ed è supportato da un app compatibile con dispositivi Android e iOS, inclusi i tablet.

 

Contro

Materiali: Le sue prestazioni sono eccellenti ma, dato il costo contenuto, i materiali sono di media qualità, quindi è consigliabile applicare subito una protezione al display.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Metro laser Leica

 

2. Leica Geosystems Disto D810 Touch misuratore laser con fotocamera 

 

Il metro laser Disto D810 è un dispositivo dal costo elevato, ma rappresenta il meglio che la tecnologia può offrire nel campo degli strumenti di misura di precisione. Si tratta di un telemetro da esterni che ha una portata massima di ben 250 metri e uno scarto di precisione di appena un millimetro alla distanza. 

Il D810 è dotato di un display touchscreen, in modo da semplificare al massimo l’utilizzo, e di una fotocamera panoramica integrata che permette di eseguire misurazioni anche dalle fotografie, inoltre integra un mirino digitale con zoom 4x e un sensore di inclinazione che ha uno scarto di precisione di 0,1° appena.

L’apparecchio dispone di software e app gratuiti, integra un modulo Bluetooth Smart e la batteria richiede 4 ore per la ricarica e offre un’autonomia di 8 ore; è consigliato soprattutto all’uso professionale nei cantieri edili e navali di grandi opere.

 

Pro

Facile da usare: A dispetto delle sue caratteristiche, prettamente professionali, il D810 è un metro laser il cui utilizzo è semplificato al massimo grazie all’utilizzo di uno schermo touchscreen.

Fotocamera: È di tipo panoramico ed è integrata nel telemetro; non solo permette di eseguire misurazioni direttamente dalle fotografie ma è dotata anche di un mirino con zoom 4x digitale.

Prestazioni: La portata massima del raggio laser è di ben 250 metri e lo scarto di precisione è di appena un millimetro a distanze superiori ai 100 metri; inoltre integra anche un sensore di inclinazione estremamente preciso.

 

Contro

Prezzo: Non è certo alla portata di tutti, ma è comprensibile visto che si tratta di uno strumento di misura di alta precisione prodotto da un brand top nel settore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Metro laser Popoman

 

3. Popoman misuratore laser 50M a batteria 

 

Il metro laser Popoman è un modello progettato apposta per gli amanti del fai da te e per gli hobbisti più esigenti; si tratta infatti di un dispositivo che offre le stesse funzionalità di un modello professionale.

Il Popoman è in grado di misurare le distanze sia in metri sia in piedi e pollici, e con un raggio massimo di 50 metri; è alimentato da una batteria built-in al litio, ricaricabile mediante l’apposito cavo USB fornito nella dotazione di accessori. 

È dotato di un ampio display a cinque righe ed è in grado di eseguire misurazioni lineari, anche continue, misurazioni indirette grazie alla funzione pitagorica e calcolare area e volume, inoltre possiede le funzioni di addizione e sottrazione, valori massimi e minimi ed è in grado di memorizzare fino a 99 set di dati. Trattandosi di un modello economico, però, pecca per quanto riguarda il livello di precisione.

 

Pro

Display: Ampio e retroilluminato, permette di visualizzare sei diversi campi in modo chiaro anche se esposto alla luce solare diretta oppure al buio; mostra anche il livello della batteria e le modalità con cui è impostato il telemetro.

Funzione Mute: Elimina i suoni e permette di usare il metro laser anche negli ambienti dove è richiesto il silenzio, come le biblioteche, le chiese o le aule di scuole e università per esempio.

Ben accessoriato: La confezione, oltre al metro laser, include una piastra riflettente di riferimento, il cavo per la ricarica USB, il cordino da polso, la borsa custodia, il manuale delle istruzioni e la certificazione CE/FDA/FCC/RoHS.

 

Contro

Precisione: Buona per l’uso amatoriale, domestico e hobbistico, ma scarsa se le esigenze d’uso sono professionali.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Metro laser Stanley

 

4. Stanley TLM30 STHT9-77425 misuratore laser 

 

Il misuratore laser Stanley è lo strumento ideale per gli appassionati di fai da te e per gli hobbisti, ed è uno dei modelli più apprezzati tra quelli disponibili a prezzi bassi. Il telemetro TLM30 si distingue innanzitutto perché è ultra compatto, infatti misura appena 32 x 63 x 10 millimetri e ha un ingombro analogo a quello di un portachiavi. 

Proprio per questa ragione invece delle classiche pile stilo è alimentato da una batteria interna, ricaricabile mediante il cavetto USB in dotazione. La sua portata va da una distanza minima di 15 centimetri a una massima di 9 metri, quindi è adatto prevalentemente all’uso domestico; è estremamente semplice da usare, dal momento che possiede un tasto unico, ed è dotato di due funzionalità soltanto: distanza e misura continua.

Lo scarto di precisione è di circa sei millimetri sulla distanza massima, ma dato il costo è del tutto comprensibile.

 

Pro

Compatto: Le sue dimensioni a “portachiavi” e il fatto di essere ricaricabile l’hanno reso molto popolare tra gli agenti immobiliari, che lo utilizzano durante i sopralluoghi per stimare le dimensioni delle case.

Facile da usare: Le funzioni sono basilari, infatti può eseguire solo misurazioni singole e continue, ma possiede un solo tasto e questo ne rende l’uso estremamente semplice e immediato.

Autonomia: L’alimentazione è fornita da una batteria interna che può essere ricaricata mediante l’apposito cavo USB fornito in dotazione; l’autonomia della batteria è ottima e la ricarica dura molto.

 

Contro

Precisione: L’unica pecca è lo scarto di precisione, che alla distanza massima di 9 metri è di circa 6 millimetri, ma è del tutto normale visto che è un modello base dal costo ridotto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Metro laser Makita

 

5. Makita LD030P misuratore laser con raggio di 30 metri

 

Se volete sapere dove acquistare un telemetro che abbia delle caratteristiche di tipo professionale ma disponibile a un prezzo relativamente accessibile per uso hobbistico avanzato, allora l’LD030P è proprio lo strumento che fa al caso vostro.

Il metro laser Makita, infatti, è equipaggiato con un diodo classe 2 da 635 nm e ha una portata di misurazione che va da un minimo di 20 centimetri fino a un massimo di 30 metri, con uno scarto di precisione di circa 3 millimetri a 10 metri di distanza. Oltre alla misurazione lineare e alle funzioni di traccia, inoltre, questo telemetro è in grado di eseguire anche il calcolo dell’area.

Le sue dimensioni sono compatte, soltanto 53 x 115 x 25 millimetri, pesa 95 grammi ed è alimentato da due batterie AAA da 1,5 Volt; le sue caratteristiche lo rendono adatto per l’uso in condizioni non estreme, anche in ambito lavorativo.

 

Pro

Prestazioni: Il raggio operativo del laser, lo scarto di precisione e le caratteristiche strutturali del metro laser Makita, lo rendono adatto anche per l’uso professionale in ambito domestico.

Funzionale: Essendo in grado di calcolare l’area, si rivela molto utile anche quando è il momento di ridipingere a nuovo le pareti di casa, in modo da stabilire con precisione la quantità di pittura da acquistare.

Compatto e maneggevole: Le sue dimensioni lo rendono estremamente pratico da usare, anche l’accesso alle funzioni è semplificato e il display è chiaro e ben leggibile.

 

Contro

Prezzo: Le sue prestazioni sono migliori, di conseguenza anche il costo è più elevato rispetto alla media standard dei distanziometri destinati a uso hobbistico e domestico.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Metro laser 100 metri

 

6. RockSeed Mileseey IP54 Misuratore Laser 100M

 

Il metro laser di RockSeed non è il più economico tra tutti i distanziometri esaminati nella nostra guida e si colloca nella fascia media del mercato. Si tratta di un modello classico, che si distingue per le numerose funzionalità possedute, a cominciare dalla capacità di misurazione fino a 100 metri, con uno scarto di precisione di soli 2 millimetri.

Il display LCD è retroilluminato e ha dimensioni tali da permettere la visualizzazione delle ultime quattro misurazioni. Per quanto riguarda le funzioni, il dispositivo è in grado di misurare la distanza lineare, l’area, il volume e possiede perfino la funzione pitagorica per le misurazioni indirette; può aggiungere, sottrarre ed eseguire misurazioni continue. La scocca è robusta e ha un grado di protezione IP54, il che significa che è resistente agli schizzi d’acqua e alla polvere, così il Mileseey può essere utilizzato senza problemi anche in cantiere.

Nonostante le ottime caratteristiche rimane comunque uno strumento economico con alcune limitazioni, a cominciare da quella che rende l’efficacia e la visibilità del laser piuttosto deficitaria in condizioni di luce solare diretta. 

 

Pro

Distanza: Questo metro laser è in grado di misurare fino a 100 metri, assicurando uno scarto di soli 2 millimetri. 

Numerose funzioni: Le modalità di misurazione sono analoghe a quelle offerte dai distanziometri professionali: distanze lineari, aree, volumi, misurazioni indirette e doppia scala, metrica e imperiale.

Resistente: La scocca ha un livello di protezione certificato IP54 che significa che è in grado di resistere a schizzi d’acqua e polvere. 

 

Contro

Luce solare: Il laser mette in mostra qualche difficoltà di troppo in condizioni di luce solare. Dunque è decisamente meglio utilizzarlo negli interni piuttosto che all’aperto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Metro laser Teccpo

 

7. Teccpo TDLM26P misuratore laser 50 metri USB

 

Il metro laser Teccpo TDLM26P, dopo il Makita, è forse uno dei modelli più interessanti tra quelli appartenenti alla fascia hobbistica. A parte il prezzo accessibile, infatti, risulta essere effettivamente preciso e, in più, dotato di tutte le funzioni tipiche di un distanziometro professionale.

Il Teccpo, infatti, è in grado di misurare distanza, area e volume grazie alle funzioni di calcolo, e con uno scarto di precisione di 2 millimetri appena; la sua memoria ha spazio per ben 99 dati e a differenza di altri modelli analoghi di fascia economica, è dotato di un di un display retroilluminato che permette di usarlo anche in condizioni di scarsa luce.

L’ulteriore vantaggio di questo distanziometro è quello di essere alimentato da una batteria interna ricaricabile mediante il cavo USB fornito in dotazione, insieme al cordino, al target per l’auto-calibrazione del dispositivo e alla custodia; l’unica pecca è l’impossibilità di usarlo in esterni.

 

Pro

Auto-calibrazione: Il metro laser Teccpo è uno dei pochi modelli di fascia economica a possedere la funzione di autocalibrazione; inoltre possiede anche funzioni di calcolo analoghe a quelle dei modelli professionali.

Display e materiali: I materiali di fabbricazione sono di buona qualità, quindi lo strumento tanto resistente quanto maneggevole, anche se in ogni caso è sconsigliato per l’uso cantieristico; il display, inoltre, è retroilluminato.

Ricaricabile: Invece delle batterie a secco, l’alimentazione è assicurata da una batteria interna ricaricabile mediante l’apposito cavo USB fornito nella dotazione accessori; quest’ultima include anche il target per l’auto-calibrazione, la custodia e il cordino.

 

Contro

Istruzioni e sensori: Le istruzioni non sono tradotte in italiano, inoltre i fotosensori non riescono a leggere il laser se quest’ultimo è esposto alla luce diretta del sole.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Metro laser DTape

 

8. DTape DT50 telemetro distanziometro laser 

 

Concludiamo la nostra classifica sui distanziometri con il metro laser DTape DT50, un modello che per molti versi non è tanto dissimile dal Teccpo; come quest’ultimo, infatti, ha una portata di 50 metri e possiede un display dotato di retroilluminazione.

Anche le modalità d’uso sono simili; il DT50 misura distanze e possiede funzioni di calcolo per ottenere l’area delle superfici e il volume dei vani, può eseguire misurazioni continue con addizione o sottrazione di valori e ha il tasto mute per disattivare il bip sonoro dei pulsanti. Le analogie continuano anche dal punto di vista strutturale, con la scocca in plastica resistente ricoperta di gomma morbida antiurto, e un livello di protezione IP54.

La differenza, in questo caso, è che il DTape non è ricaricabile ma è alimentato da due normali batterie AAA da 1,5 Volt; inoltre è privo della funzione di autocalibrazione e non ha la custodia.

 

Pro

Funzionale: Possiede tutte le modalità d’uso di un distanziometro avanzato, e questo lo rende estremamente versatile; può eseguire anche misurazioni continue con addizione e sottrazione di dati.

Display retroilluminato: Un altro aspetto sottovalutato è la possibilità di illuminare il display; non tutti i metri laser per uso hobbistico sono dotati di questa funzione infatti, ma il DT50 si.

Prezzo accessibile: Il costo contenuto è sempre una qualità molto gradita, soprattutto per coloro che non hanno grosse esigenze e si limitano a utilizzare lo strumento soltanto in ambito domestico.

 

Contro

Fotosensori: Non è adatto per l’uso in esterni; a parte la scarsa velocità di reazione, infatti, i fotosensori faticano a rilevare il laser quando la luce ambiente è troppo forte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere i migliori metri laser

 

Questo dispositivo è utile sia in ambito domestico sia professionale, ma dal momento che si tratta di uno strumento di misura e che il suo livello di precisione incide notevolmente sul tipo di applicazione a cui può essere destinato, prima di scegliere quale metro laser comprare è importante chiarire alcuni punti fondamentali.

Le modalità d’uso

Uno dei primi requisiti a cui si fa attenzione, in genere, è rappresentato dalla gamma di misurazioni possibili permessa dal dispositivo; la tendenza diffusa, infatti, è quella di pensare che più sono le funzioni possedute dal metro e migliore sia quest’ultima, la qual cosa non potrebbe essere più lontana dal vero.

Per capire come scegliere un buon metro laser bisogna innanzitutto sapere se sarà usato a scopi professionali oppure no, perché nel primo caso l’aspetto più importante non è tanto il numero di funzioni che esso possiede quanto il grado di precisione, aspetto sul quale torneremo a parlare in seguito e in maniera più estesa.

Se la vostra unica esigenza è quella di misurare le distanze lineari, infatti, non c’è alcuna ragione di adoperare uno strumento più complesso, anche se disponibile a un costo analogo. In molti casi, infatti, le funzioni di calcolo potrebbero risultare troppo complesse da gestire e ciò potrebbe incidere sulla resa dello strumento in termini di praticità d’uso.

 

Il livello di precisione

Il criterio più importante nella scelta di un metro laser deve riguardare la sua precisione, soprattutto nel caso dei modelli destinati a uso professionale; la precisione, inoltre, non ha nulla a che fare con la gamma di funzionalità possedute dallo strumento, ma dipende soltanto dalla sofisticazione delle componenti principali di misura: il diodo laser, il fotosensore e il circuito che calcola l’auto-oscillazione della frequenza.

I modelli della fascia professionale, come i distanziometri Leica e Hilti per esempio, sono tra i più precisi, seguiti a ruota da quelli prodotti da altre ditte; nel loro caso lo scarto di precisione è minimo anche su elevate distanze, e tende a rispettare in pieno le specifiche nominali fornite dal produttore. Questi strumenti sono caratterizzati da un costo decisamente alto, e sono consigliati esclusivamente a ingegneri, architetti, operai specializzati e imprese che lavorano nel campo dell’edilizia e delle costruzioni.

I distanziometri di categoria hobbistica invece, hanno uno scarto di precisione di poco inferiore rispetto ai modelli professionali, ma soltanto a livello nominale; nella realtà dei fatti questi dispositivi si rivelano relativamente accurati soltanto sulle brevi distanze, e man mano che le lunghezze da misurare aumentano e più si amplia lo scarto di precisione, arrivando spesso a superare anche un centimetro.

 

La potenza del laser

I distanziometri utilizzano diodi laser a bassa energia di classe 2, quindi la potenza è analoga per tutti i modelli in commercio, compresi quelli professionali; nonostante ciò non tutti sono in grado di funzionare adeguatamente in ogni circostanza, soprattutto se le misurazioni sono effettuate all’aperto o sotto la luce diretta del sole.

A fare la differenza, in questo caso, sono il fotosensore e il circuito di auto-oscillazione della frequenza; più sofisticati sono, infatti, migliori saranno le loro prestazioni e più andranno a incidere proporzionalmente sul costo dello strumento.

Questo non significa che bisogna per forza acquistare uno strumento costoso; in molti infatti, anche a livello hobbistico e artigianale, si limitano a usare il metro laser soltanto in ambienti interni e senza la necessità di dover calcolare le misure con una precisione estrema.

 

 

 

Come funziona il metro laser

 

Principio di funzionamento sulle grandi distanze

Il funzionamento del telemetro laser è basato appunto su un diodo laser affiancato a un fotosensore; il diodo emette un raggio a bassa energia, in genere di classe 2 in modo da non essere pericolosa per l’occhio umano, colpisce il bersaglio viene riflesso verso il fotosensore.

Nell’esatto momento in cui il dispositivo viene attivato, un cronometro elettronico integrato nello stesso misura il tempo che trascorre dall’emissione del raggio fino al ritorno del raggio riflesso, e basandosi sul valore della velocità della luce nell’atmosfera, calcola la distanza percorsa moltiplicando la velocità per il tempo e dividendo per due il risultato.

Il metro laser portatile

Sulle brevi distanze risulta quasi impossibile applicare lo stesso principio di funzionamento descritto in precedenza, in quanto il cronometro elettronico dovrebbe avere una risoluzione di oltre 150 miliardesimi di secondo, e questo renderebbe proibitivo il costo dello strumento.

I metri laser portatili quindi, anche quelli professionali, sfruttano il principio della frequenza di auto-oscillazione; il fotosensore dello strumento, cioè, nel momento in cui riceve il riflesso del raggio laser, spegne quest’ultimo e lo riaccende in automatico. Quando il raggio di misurazione non oltrepassa i 100 metri, quindi, la sequenza di accensione, spegnimento e riaccensione avviene con una frequenza molto elevata, che è facilmente misurabile con dei circuiti elettronici a basso costo.

Va da sé che a differenza dei telemetri basati sul cronometro elettronico, il livello di precisione dei modelli portatili che si basano sul principio dell’auto-oscillazione della frequenza è direttamente proporzionale alle prestazioni del circuito atto a misurarla; ecco perché i modelli più economici, spesso e volentieri, tendono a essere poco “reattivi” e ad avere un ritardo nella lettura che può arrivare anche a 30 secondi se le distanze da misurare sono superiori ai 50 metri.

 

Le funzioni di calcolo

La misura principale che si può ottenere in maniera diretta, con un metro laser, è ovviamente quella della distanza lineare; alcuni esemplari in commercio però, compresa la fascia più economica di mercato, sono in grado di calcolare anche aree e volumi, nonché eseguire misurazioni indirette o in presenza di ostacoli sul percorso del raggio. Questo avviene grazie alle funzioni di calcolo integrate nello strumento, le quali ne incrementano la versatilità d’uso.

Indipendentemente dalla categoria di appartenenza, però, non tutti i distanziometri in commercio sono dotati delle funzioni di calcolo; l’eventuale presenza di queste ultime, quindi, non incide assolutamente sul costo del dispositivo.

A conferma di ciò, infatti, è possibile trovare in commercio dei distanziometri professionali dal costo abbastanza elevato, come il Leica Disto X310 per esempio, in grado di misurare soltanto le distanze lineari, mentre molti modelli di categoria hobbistica, anche a basso costo, sono dotati di tutte le funzioni e sono in grado di eseguire la gamma completa di misurazioni possibili.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve il metro laser?

Il telemetro laser, chiamato anche distanziometro oppure, più comunemente, metro laser, è un dispositivo elettronico che serve a misurare la distanza lineare tra due punti. Questo strumento è adoperato soprattutto in ambito edile, dove è largamente usato sia da ingegneri e architetti sia da tecnici e operai, ma trova applicazione in una vasta gamma di ambiti.

In campo civile per esempio, oltre a essere usato in edilizia, è essere adoperato anche per uso domestico e hobbistico; i modelli dotati di funzioni di calcolo sono in grado di misurare pure le aree e i volumi, di conseguenza sono molto utili per stimare la quantità esatta di vernice da usare per tinteggiare le pareti, oppure in impiantistica, per stabilire quali sono i punti migliori dove posizionare radiatori, split dei climatizzatori e punti luce per l’illuminazione.

Vengono inoltre adoperati spesso anche dagli agenti immobiliari, durante i sopralluoghi per l’acquisizione di nuovi immobili da inserire in catalogo, e dagli arredatori. Alcuni modelli specifici, ottimizzati per eseguire rilevazioni su grandi distanze, vengono utilizzati in ambito sportivo, scientifico e anche militare.

Quanto costa un metro laser?

Trattandosi di uno strumento di misura elettronico, il metro laser può avere un prezzo che oscilla dai 25 ai 500 euro circa, o anche di più, a seconda del modello e delle caratteristiche che esso possiede.

È ovvio che i distanziometri destinati a uso professionale sono quelli che costano di più; in questa specifica categoria, infatti, i prezzi partono dai 100 euro in su. Tutti i modelli che hanno un costo uguale o inferiore, invece, sono da considerarsi di categoria hobbistica; questi esemplari, in molti casi, sono dotati delle stesse modalità d’uso di un metro laser professionale, ma ovviamente non offrono mai la stessa resa in termini di precisione.

L’aspetto più importante infatti, quello che fa davvero la differenza tra un metro laser di categoria hobbistica e uno di categoria professionale, è il livello di accuratezza nelle misurazioni. Maggiore è la precisione assicurata dallo strumento, quindi, tanto più alto sarà il prezzo.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Hilti PD-I Laser Range Meter strumento di misurazione professionale

 

Con il metro laser Hilti PD-I chiudiamo la triade dei distanziometri professionali ad alte prestazioni che occupano i primi tre posti della nostra classifica; in comparazione ai due modelli esaminati in precedenza questo è il più costoso ma è anche quello che offre le prestazioni migliori.

A parte un raggio operativo di ben 150 metri, infatti, il PD-I non è limitato da alcuna distanza minima sulle misurazioni brevi, ed è dotato di una punta extra lunga che lo rende in grado di misurare con estrema facilità all’interno di spazi ristretti, come gli angoli o i telai delle finestre. 

Il PD-I può determinare l’area delle superfici, l’area di verniciatura, eseguire calcoli volumetrici per la programmazione dei sistemi di riscaldamento, climatizzazione e ventilazioni e la picchettatura intelligente per la posa in opera di punti di ancoraggio, consolle, pareti e controsoffitti in cartongesso; grazie al Bluetooth, inoltre, è compatibile con i dispositivi Smart.

 

Pro

Prestazioni: L’Hilti PD-I, di fatto, potrebbe essere tranquillamente considerato il miglior metro laser esaminato nella nostra guida; infatti è potente, preciso e offre una completa gamma di funzionalità, incluse le caratteristiche Smart.

Robusto e resistente: Non a caso Hilti è ritenuto il brand leader dai professionisti dell’edilizia; i materiali di fabbricazione sono di prima scelta e la sua struttura estremamente robusta lo rende ideale per i cantieri.

Raggio operativo: A differenza degli altri distanziometri professionali esaminati nella guida, l’Hilti è nettamente superiore anche per quanto concerne il raggio operativo: 150 metri per le misurazioni e 100 metri per il Bluetooth.

 

Contro

Prezzo: Il costo del PD-I è molto alto, quindi è uno strumento di nicchia riservato soltanto alle imprese e ai professionisti più esigenti.

 

 

Leica Geosystems Disto X310 AR790656 distanziometro laser professionale

 

Anche il metro laser Leica è un prodotto professionale ad alte prestazioni, destinato prevalentemente all’uso cantieristico, infatti è progettato per resistere alle cadute da due metri di altezza ed è IP65, quindi protetto ermeticamente contro la polvere e gli spruzzi d’acqua.

Il Disto X310 è apprezzato soprattutto per la sua precisione, lo scarto infatti è di appena un millimetro, e per il sensore di inclinazione a 360° integrato nel dispositivo, che è sostitutivo della livella e permette di misurare anche le altezze indirette. La funzione Smart Horizontal Mode, inoltre, gli consente di eseguire misurazioni orizzontali dirette anche in presenza di eventuali ostacoli, come mobili o altro.

A parte il prezzo però, che è già più alto rispetto al GLM 50 C esaminato in precedenza, l’unica pecca del Disto X310 è quella di essere limitato soltanto alla misurazione lineare di lunghezze e altezze, e alla funzione pitagorica.

 

Pro

Qualità: Il distanziometro Leica si distingue innanzitutto per l’alta qualità dei materiali e le eccellenti caratteristiche strutturali: possiede un grado di protezione IP65 e una resistenza alle cadute testata a due metri.

Preciso: Anche il livello di precisione è più alto, e lo scarto minimo si riduce ad appena un millimetro in più o in meno; sotto questo aspetto, quindi, si rivela superiore perfino ai distanziometri professionali più blasonati.

Smart Horizontal Mode: Questa speciale funzione gli permette di calcolare con estrema precisione le distanze orizzontali anche in presenza di eventuali ostacoli; il sensore di inclinazione, inoltre, consente di misurare le altezze indirette.

 

Contro

Solo misure lineari: L’unica pecca del Leica Disto X310 è data dal fatto di poterlo usare soltanto per le misurazioni lineari e per la funzione pitagorica.

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS