La guida per scegliere le canaline passacavi esteticamente più gradevoli

Ultimo aggiornamento: 29.09.22

 

Tutto ciò che dovete sapere per scegliere delle canaline passacavi che siano invisibili o belle a vedersi, per evitare di modificare radicalmente il proprio appartamento con lavori costosi e impegnativi. 

 

Capita a tutti prima o poi di dover fare dei lavori in casa, che richiedono magari l’intervento di un esperto del settore, sia per installare dei nuovi dispositivi sia per aggiornare quelli esistenti. Anche far arrivare un semplice cavo da un punto A a uno B può talvolta essere un vero e proprio inferno tra consulenze e spese di realizzazione. Il fai-da-te non è sempre la scelta migliore, soprattutto se non avete idea di come creare delle canaline interne. Cosa fare in questi casi? La scelta migliore potrebbe essere proprio la realizzazione di una canalina elettrica esterna.

Prima di stabilire che queste siano tutt’altro che piacevoli a vedersi e, anzi, sono un vero e proprio incubo estetico, vi invitiamo a leggere con attenzione il nostro articolo. Scoprirete così che esistono delle canaline passacavi estetiche, pensate proprio per ridurre al minimo l’ingombro e ingannare l’occhio.

 

Cosa sono le canaline passacavi

Come sottolineavamo nel paragrafo precedente, quando bisogna far arrivare un cavo da una zona della casa all’altra, le scelte sono due: far sì che passi nel muro o all’esterno. Naturalmente, un cavo libero per casa è una soluzione decisamente sgradevole, per questo si può utilizzare una canalina, sia in metallo o guaina PVC. All’interno si fanno scorrere i cavi che oltre ad avere una guida, sono così anche protetti e apparentemente invisibili.

Scegliere una canalina come soluzione ha diversi vantaggi, innanzitutto il costo ridotto, per non parlare poi della semplicità di rimozione. Se dovete effettuare un collegamento temporaneo, non necessariamente in un appartamento ma anche in un ufficio o un luogo di lavoro, la canalina elettrica vi farà risparmiare tempo e soldi.

 

Tipologie di canaline elettriche

Data la crescente richiesta, il mercato si è specializzato e oggigiorno potete trovare diverse tipologie di canaline, adoperate sia in ambito civile sia in quello industriale. Le prime hanno un occhio all’estetica, mentre le seconde puntano alla resistenza poiché non devono essere installate solo in orizzontale ma spesso anche in verticale, passando magari all’interno di un tubo coibentato dove ci sono altri cavi.

Le canaline passacavi per battiscopa sono le più comuni, si usano proprio al posto del battiscopa e al loro interno sono cave, per permettere il cablaggio. Sono generalmente semplici da montare e potete eseguire l’operazione anche da soli. Danno un tocco “hi-tech” al vostro appartamento e rappresentano un’ottima scelta anche per un ufficio.

Abbiamo poi le canaline passacavi per i pavimenti, pensate per gli open space dove è necessario far passare dei cavi anche lontano dalle pareti. Si trovano spesso negli uffici anche se forse non ci avete fatto caso poiché si mimetizzano bene sul pavimento, rappresentando delle piccole gobbe calpestabili. La loro caratteristica principale è proprio la resistenza al calpestio e a forti pressioni, grazie alla curva che scarica la pressione sul pavimento.

In alcuni ambienti, soprattutto appartamenti molto antichi, le canaline classiche o troppo moderne potrebbero stonare. Vengono quindi in aiuto quelle curve, per adattarsi a soluzioni architettoniche differenti da quelle moderne, come per esempio gli archi che dividono gli ambienti. Ne potete acquistare di varianti in plastica o alluminio, quindi materiali flessibili di facile impiego.

Fattori importanti nella scelta della canalina

L’estetica, se la canalina è da interno, è al primo posto. Spendendo poco potrete optare per quelle bianche squadrate, comode sì ma tutt’altro che belle a vedersi. Valutate quindi una spesa leggermente maggiore per prodotti qualitativamente migliori e con un occhio di riguardo per il design e le finiture, una volta installate vi assicuriamo che non ve ne pentirete.

Dovete poi considerare anche il numero degli scomparti interni, da stabilire in base alla quantità di cavi che avete intenzione di far passare. Non tutti i cablaggi sono uguali ed esistono alcuni cavi che non possono stare vicini a causa di mutue interferenze. Per esempio non potrete unire nella stessa canalina un cavo elettrico e uno coassiale, a meno che non vi siano appunto degli scomparti che li isolino l’uno dall’altro.

Se la canalina andrà all’esterno oppure in un ambiente umido, infine, bisogna tener conto anche dell’impermeabilità. Proteggere dall’acqua è di vitale importanza, soprattutto negli angoli dove le canaline sono più deboli. Se il prodotto scelto non dispone di tali protezioni, valutate l’acquisto di raccordi specifici.

 

Installazione

Se utilizzate le classiche canaline battiscopa o che si posizionano al di sopra di quelle preesistenti, allora non avrete nemmeno bisogno di un metro laser poiché vi basterà seguire l’andamento del pavimento. Con una matita tracciate sul muro tutto il percorso da seguire, poi con il metro prendete le misure e tagliate la canalina in base alla lunghezza necessaria. Fissate la canalina alla parete con mastice o chiodi, in base alle vostre preferenze, chiudendola poi dovrete far passare i cavi all’interno con una guida. Ora non resta che completare il cablaggio per terminare l’operazione.

Per avere una canalina passacavi invisibile, potete anche decidere di colorarla preventivamente, dipingendola dello stesso colore del muro su cui questa verrà installata. Se per esempio avete una parete nera, rossa o di altri colori, assicuratevi di scegliere la stessa identica tonalità, solo così vi assicurerete che questa diventi quasi del tutto invisibile.

Non in tutti i casi è consigliata l’installazione fai-da-te, se potete far tranquillamente passare il cavo dell’antenna, quello della rete LAN o del televisore attraverso una canalina senza far danni, lo stesso non si può dire di un percorso puramente elettrico. Questo necessita di un’attenzione particolare che solo un professionista può fornirvi. Vi invitiamo quindi a valutare con attenzione le vostre esigenze, chiedendo l’intervento di un esperto del settore qualora dobbiate effettuare dei lavori specifici che coinvolgono quadri elettrici e normative specifiche.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS