Fai da te in legno: tre idee semplici da realizzare

Ultimo aggiornamento: 28.09.22

 

Ecco tre suggerimenti interessanti per tutti gli appassionati di bricolage, e in particolar modo per gli amanti degli oggetti in legno.

 

In questo articolo vogliamo proporre tre idee originali a tutti gli appassionati di fai da te legno che sono alla ricerca di progetti che si prestano a vari livelli di difficoltà realizzativa. Gli oggetti che proponiamo, infatti, possono essere tranquillamente realizzati con i classici elettroutensili di base, come la troncatrice radiale con piano superiore, la sega a nastro da banco e altri utensili manuali, e non richiedono lavorazioni complesse con attrezzature come la combinata per legno.

Chiunque abbia a disposizione un piccolo spazio con le attrezzature basilari per l’hobby fai da te, quindi, può provare a cimentarsi nella realizzazione di uno di questi oggetti che, grazie alla loro semplicità, sono alla portata anche dei principianti.

La materia prima

Prima di illustrare le nostre idee, però, è bene fare una piccola premessa sui materiali da adoperare; la scelta può ricadere su diverse tipologie di legno, infatti, soprattutto a seconda del budget di spesa a disposizione. Inoltre non bisogna sottovalutare la possibilità di poter usare del legno avanzato da altri progetti, oppure di poter acquisire legno di scarto a costo zero, in quanto rappresenterebbe un notevole vantaggio dal punto di vista economico.

Se invece bisogna acquistare la materia prima da lavorare, allora l’alternativa più economica è rappresentata dai pannelli OSB, dal legno lamellare, da quello multistrato e, in generale, da tutti i semilavorati compositi ottenuti a loro volta dal truciolato o da altri scarti di lavorazione del legno. I listelli e le tavole di legno massello, invece, costano di più ovviamente ma anche la qualità è nettamente superiore.

Una via di mezzo è rappresentata dal legno dei pallet invece, che di solito sono realizzati in legno massello di pino; i pallet sono ben noti per la loro estrema resistenza, grazie alla quale sono estremamente versatili per quanto riguarda le possibili lavorazioni e destinazioni d’uso, e per il fatto di poterli acquistare a costi decisamente contenuti, soprattutto se già usati.

Pannelli e oggetti decorativi

Questa idea è la più economica da realizzare, in quanto permette di riciclare una vasta gamma di scarti di lavorazione del legno. Quel che resta di tavole e listelli, infatti, può essere “assemblato” insieme in modo da creare dei pannelli con forme astratte, da appendere alle pareti della casa; se i pezzi provengono da differenti varietà di legno, inoltre, si può sfruttare la loro colorazione naturale esaltandola con delle vernici di finitura.

Se siete particolarmente abili nel disegno, invece, potete prendere in considerazione la decorazione a pirografo; in questo caso il legno viene decorato prima di essere sottoposto a finitura con le vernici impregnanti e lucidanti, altrimenti il pirografo finirebbe col bruciare la vernice.

Per quanto riguarda scarti come blocchi e pezzi di legno squadrati, questi possono essere sagomati, tagliati o scolpiti in modo da realizzare oggetti di qualsiasi tipo, a partire da quelli funzionali come sottobicchieri e portapenne fino a quelli puramente decorativi, come statuette e sculture in bassorilievo.

Anche i riccioli di truciolato possono essere colorati e poi incollati in modo da creare composizioni particolari oppure come elementi tridimensionali da applicare a pannelli decorati o a sculture di dimensioni più ampie. Il riciclo degli scarti di lavorazione del legno, indipendentemente dalla dimensione e dalla tipologia, può offrire moltissimi spunti per gli appassionati di fai da te che hanno una vena particolarmente creativa e un marcato spirito artistico.

Testiera da letto semplice con assi di legno

Ecco un’altra idea che è facilmente realizzabile anche per un appassionato di bricolage alle prime armi, e che può essere tranquillamente adeguata in base alle proprie esigenze e al budget di cui si dispone: ovvero una testiera da letto fatta con delle semplici assi di legno.

L’unico limite di ordine pratico, in questo caso, è rappresentato dalle particolari esigenze dovute al contesto in cui andrà inserita la testiera, in particolar modo lo stile di arredo a cui dovrà accostarsi. Per questo tipo di progetto, infatti, si possono usare sia tavole di legno massello di alta qualità, in modo da realizzare un elemento dal design ben strutturato ed elaborato, sia legno di recupero da vecchi pallet, vecchie assi smantellate, scarti di listelli di legno da assemblare insieme come un patchwork, o addirittura porte e imposte recuperate da vecchi ruderi di campagna.

Tutto quello che bisogna fare è assemblare insieme le tavole in senso verticale oppure orizzontale, a seconda del progetto che si ha in mente di realizzare, ed eventualmente aggiungere ulteriori elementi, decorativi o funzionali a seconda del caso. La finitura della testiera può essere realizzata oppure no, cioè si può scegliere se lasciare la superficie delle assi grezza, in modo da conferire loro un aspetto rustico, oppure carteggiarle, levigarle e poi trattarle con una mano di impregnante per legno per proteggerle dall’umidità e dai parassiti, e poi eventualmente colorarle con una mano di pittura lucida o satinata, a seconda dei gusti.

Un armadietto per i medicinali in stile vintage

Tra le diverse idee che abbiamo proposto nel nostro articolo, l’armadietto per i medicinali in stile vintage è la più complessa da eseguire ed è caratterizzata anche da costi e tempi di realizzazione maggiori.

Come potete vedere dalle fotografie inserite come esempi, però, i possibili risultati valgono di certo gli sforzi. Si tratta sostanzialmente di realizzare una sorta di cassettiera le cui caratteristiche e lo stile possono variare a seconda delle esigenze del caso; anche le dimensioni e la forma dei cassetti possono essere realizzate in base al tipo di medicinale da conservare, a partire dai classici blister di pillole fino alle fiale delle siringhe e ai flaconi di integratori e aminoacidi ramificati migliori.

Dal momento che la struttura principale dell’armadietto dovrà essere cava per accogliere i numerosi cassetti, inoltre, per questo tipo di progetto è consigliato l’uso di legno massello, oppure di una varietà di legno multistrato in grado di garantire un adeguato livello di rigidità e resistenza, e di un dettagliato schema su carta che tenga conto delle misure in maniera estremamente precisa.

La minore o maggiore complessità del progetto dovrà essere subordinata all’esperienza acquisita nella realizzazione di suppellettili e altri oggetti in legno; per realizzare un armadietto di grandi dimensioni e con una gran varietà di vani e cassetti dove riporre ogni sorta di medicinale, infatti, è consigliabile possedere una buona padronanza nell’uso degli strumenti e nelle tecniche di lavoro.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS