Le 8 migliori pistole per colla a caldo del 2022

Ultimo aggiornamento: 28.09.22

 

Pistole per colla a caldo – Opinioni, Analisi e Guida all’acquisto

 

Dal bricolage alle applicazioni professionali, le pistole per colla a caldo sono caratterizzate da un’ampia gamma di applicazioni; scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze non sempre è facile quindi, ma la nostra guida all’acquisto può esservi di grande aiuto. Nella classifica, invece, troverete le otto pistole incollatrici che hanno riscosso il maggior successo di mercato, sia in ambito hobbistico sia professionale. Al primo posto si colloca la Bosch PKP 18 E, un modello di categoria hobbistica ma dalle prestazioni superiori alla media, seguita poi da LeaderPro XL-F PW-60W, un kit economico per il fai da te che comprende la pistola e 20 stick di colla a caldo.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori pistole per colla a caldo – Classifica 2022

 

I modelli più richiesti sono sempre quelli per uso hobbistico, ovviamente, ma nella nostra classifica è presente anche una pistola per colla a caldo destinata all’uso industriale e professionale.

 

 

1. Bosch Home and Garden PKP 18 E pistola incollatrice

 

La PKP 18 E è uno dei modelli più venduti online ed è tra le migliori pistole per colla a caldo del 2022; i pareri degli acquirenti relativi al livello di prestazioni offerte e al rapporto qualità-prezzo di questo attrezzo, infatti, sono tutti positivi.

La pistola per colla a caldo Bosch appartiene alla linea Home and Garden infatti, e come tutti i prodotti di questa storica ditta è caratterizzata da una qualità costruttiva decisamente alta; i materiali e la fattura sono di ottima qualità e la rendono estremamente resistente e duratura, oltre che affidabile. Assorbe 200 watt di potenza ed è in grado di raggiungere una temperatura di 200 gradi, ma grazie alla protezione termica offre il massimo della sicurezza durante l’utilizzo. Un altro punto di forza della PKP 18 E è la sua versatilità, che la rende adatta sia per l’uso hobbistico sia per quello artigianale (anche se non intensivo).

 

Pro

Affidabile: Il marchio Bosch ha una solida fama nel settore di produzione degli elettroutensili, quindi si tratta di una pistola incollatrice di ottima qualità, affidabile e soprattutto sicura da usare.

Ugello extra lungo: Può raggiungere anche i punti di difficile accesso, per esempio tra le fessure, inoltre è dotato anche di un sistema di blocco che riduce al minimo il gocciolamento della colla.

Efficiente: Grazie a una potenza di 200 watt è in grado di raggiungere in breve tempo una temperatura di esercizio di ben 200 gradi, e di mantenerla costante per tutta la durata del lavoro.

 

Contro

Solo per hobby: Le sue caratteristiche sono buone, ma la PKP 18 E rimane comunque una pistola incollatrice di categoria hobbistica, non adatta per uso professionale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. LeaderPro XL-F PW-60W pistola a caldo per colla

 

Al secondo posto troviamo una pistola a caldo appartenente alla fascia dei prodotti a prezzi bassi, molto richiesta soprattutto dagli appassionati di fai da te più attenti al risparmio. Uno dei pregi della LeaderPro, infatti, è quello di essere parte di un kit che include anche una pratica custodia per il trasporto, che può essere utilizzata anche per altri piccoli utensili, e 20 stick di colla da 11 millimetri di diametro per 19 centimetri di lunghezza. 

Essendo un attrezzo economico è ovviamente destinato soltanto all’uso domestico e amatoriale, però offre la discreta potenza di 60 watt contro i 20 della maggior parte delle altre pistole disponibili a un prezzo analogo. L’unica pecca della XL-F PW-60W consiste nello sgocciolamento; del resto si tratta di un problema comune nelle pistole incollatrici di fascia economica. Considerando anche il costo e la generosa dotazione di accessori, quindi, non si può pretendere di più.

 

Pro

Economica: Il prezzo contenuto la rende facilmente accessibile per chi non ha particolari esigenze; è infatti è una delle pistole incollatrici più richieste tra quelle appartenenti alla fascia più economica di mercato.

Versatile: È adatta per incollare legno, vetro, pietra, mattoni, tessuti e altri materiali, inclusi quelli metallici, il che la rende particolarmente adatta per il fai da te e per gli appassionati di bricolage.

Ben accessoriata: La confezione include anche 20 stick di colla da 11 millimetri di diametro e 19 centimetri di lunghezza, più una pratica custodia che può essere utilizzata anche per altri piccoli utensili.

 

Contro

Prestazioni: Sono limitate ovviamente, visto che la pistola impiega almeno 5 minuti per riscaldarsi, inoltre bisogna fare attenzione perché tende a gocciolare molto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Bosch Home and Garden GluePen pistola incollatrice a batteria

 

Volete sapere dove acquistare una pistola incollatrice a batteria con un buon rapporto qualità-prezzo? Allora date un’occhiata alla GluePen prodotta dalla ditta tedesca Bosch. L’apparecchio in questione offre una maneggevolezza assolutamente degna di nota, soprattutto grazie all’assenza del filo che limita la libertà di movimento. Le dimensioni compatte e l’ugello sottile, inoltre, la rendono adatta anche per i lavori di precisione, inoltre grazie al sistema automatico di ritrazione, la colla non gocciola come nelle altre pistole a caldo; una volto tolto il dito dal grilletto, infatti, quest’ultimo si solleva e risucchia la colla ancora liquida all’interno dell’ugello.

L’unica pecca della Bosch GluePen, purtroppo, è rappresentata dalla batteria, che è l’unico componente la cui qualità non è all’altezza degli standard Bosch. Questa ha una scarsa autonomia infatti; inoltre anche quando la pistola non viene usata, nel giro di pochi giorni tende a scaricarsi del tutto.

 

Pro

Maneggevole: La pistola incollatrice GluePen, essendo a batteria, è priva dell’ingombro dato dal filo di alimentazione; inoltre le dimensioni compatte e il design ergonomico la rendono ancor più pratica da usare.

Non gocciola: Il grilletto della GluePen è collegato a uno speciale sistema di ritrazione; quando viene rilasciato si solleva lentamente, aspirando la colla ancora liquida ed evitando che coli dall’ugello.

Efficiente: La temperatura di esercizio di 170 gradi viene raggiunta in tempi brevissimi e viene mantenuta costante per tutto il tempo di utilizzo, il che la rende uno strumento efficiente anche se di categoria hobbistica.

 

Contro

Batteria: L’autonomia offerta dalla batteria, purtroppo, non supera i 30 minuti, ma vista la destinazione d’uso è una limitazione del tutto comprensibile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Dweyka UK-JQ20W-001 mini pistola incollatrice con borsa 

 

Il modello più economico esaminato nella nostra classifica è quello prodotto per brand Dweyka, e nella fattispecie si tratta di una mini pistola per colla a caldo per uso amatoriale. Trattandosi di un utensile a basso costo anche la potenza e le prestazioni sono limitate, ovviamente, visto che assorbe solo 20 watt di potenza, quindi il tempo di preriscaldamento varia dai 3 ai 5 minuti. 

Anche la compatibilità con gli stick di colla è circoscritta soltanto a quelli da 7 millimetri di diametro; in compenso, però, è ben accessoriata, e questo la rende ancor più vantaggiosa dal punto di vista economico. La confezione, infatti, include ben 75 stick di colla da 10 centimetri di lunghezza e una pratica custodia dove tenere la scorta di colla e la pistola. Le sue caratteristiche la rendono ideale per l’uso domestico non intensivo, soprattutto per il modellismo e il bricolage.

 

Pro

Basso costo: Il prezzo ridotto la rende particolarmente adatta a chi non ha esigenze d’uso intensivo o professionale, e di conseguenza preferisce risparmiare il più possibile sulla spesa.

Ben accessoriata: La confezione include le istruzioni, la custodia, una riserva di colla costituita da ben 75 stick da 7 millimetri di diametro per 10 centimetri di lunghezza e un foglio descrittivo in inglese.

Compatta: Le dimensioni sono mini a tutti gli effetti, il che la rende leggera ed estremamente maneggevole; anche le dimensioni dell’ugello sono piccole e quindi molto utili nei lavori di precisione.

 

Contro

Prestazioni: Il termofusibile richiede un po’ di tempo per riscaldarsi, dai 3 ai 5 minuti almeno; va bene soltanto per uso domestico non intensivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Wiecock NL-202 pistola incollatrice per il fai da te

 

La Wiecock NL-202 è un’altra pistola per colla a caldo apprezzata per la sua versatilità e per il prezzo contenuto, oltre che per le caratteristiche strutturali. La sua destinazione d’uso è prettamente hobbistica, visto che ha un termistore da 60 watt che richiede un tempo di preriscaldamento di circa 3 minuti, però è compatibile con gli stick da 11 millimetri di diametro, il che le garantisce una maggiore gamma di applicazioni. 

L’aspetto più interessante della Wiecock, però, è quello strutturale; la NL-202 è dotata di una leva al posto del classico grilletto, quindi è in grado di offrire un maggiore controllo sulla pressione applicata e, di conseguenza, sulla velocità di estrusione della colla. Il manico, inoltre, è dotato di un supporto rimovibile che permette di sorreggere l’intera pistola in posizione verticale e con l’ugello sollevato dalle superfici; la confezione include anche venti stick di colla.

 

Pro

Ergonomica: La NL-202 ha il pregio di essere estremamente maneggevole grazie al supporto da tavolo collegato alla base dell’impugnatura, che permette di tenere la pistola in posizione eretta e con l’ugello sospeso verso il basso.

Leva: Usata al posto del normale grilletto, la leva permette di usare tutta la mano e quindi di esercitare un maggiore controllo sulla pressione applicata e sul flusso di colla in uscita dall’ugello.

Colla: La confezione include anche una scorta di venti bastoncini di colla da 20 centimetri di lunghezza e 11 millimetri di diametro e il manuale con le istruzioni di utilizzo.

 

Contro

Solo per hobby: I 60 watt di potenza la rendono adatta soltanto per l’uso amatoriale non intensivo; se vi serve qualcosa di professionale è meglio orientarsi verso un altro modello.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Rapid EG360 PRO 5000328 pistola incollatrice industriale

 

A prima vista la EG360 PRO sembra non avere nulla di nuovo rispetto agli altri modelli esaminati nella nostra classifica; in realtà si tratta di una pistola per colla a caldo professionale, nella fattispecie del modello di punta della serie EG prodotta dalla ditta Rapid. Ha una potenza di 300 watt e una capacità di estrusione di ben 1,8 chili di colla per ora; il sistema di riscaldamento è blindato ed è possibile regolare la temperatura di esercizio su cinque differenti livelli da un minimo di 120° fino a un massimo di 220°, raggiungibili con un preriscaldamento di appena due minuti.

È certificata secondo gli standard tedeschi GS e TÜV ed è compatibile con gli stick da 12 millimetri di diametro; l’unica pecca, se tale si può definire dal momento che si tratta di una pistola destinata alla fascia di utenza professionale, è il prezzo considerevolmente alto.

 

Pro

Industriale: La pistola per colla a caldo Rapid è progettata per uso industriale e professionale, quindi si tratta di un elettroutensile di alta qualità, affidabile e certificato secondo i rigidi standard tedeschi GS e TÜV.

Regolabile: Si possono impostare cinque differenti livelli di temperatura: 120°, 145°, 170°, 195° e 220° Celsius, a seconda delle applicazioni, e con un tempo di preriscaldamento ridotto grazie al termistore da 300 watt di potenza.

Prestazioni: La capacità di estrusione varia da 1 chilo di colla all’ora, quando la temperatura è impostata a 120°, fino a 1,8 chili all’ora, quando la temperatura di esercizio è impostata al massimo. L’ugello, inoltre, è intercambiabile.

 

Contro

Prezzo: È la migliore pistola per colla a caldo esaminata nella nostra classifica, purtroppo però è anche la più costosa, perciò è consigliata soltanto all’utenza professionale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Parkside PHP 500 E3 pistola per colla a caldo 

 

Il brand di elettroutensili Parkside, creato dalla catena di supermercati Lidl, sta riscontrando un notevole successo di mercato tra la clientela costituita da appassionati di fai da te e bricolage; nella nostra classifica, quindi, non poteva certo mancare la PHP 500 E3.

Il vantaggio principale di questa pistola per colla a caldo consiste nell’essere alimentata da una batteria al litio ricaricabile integrata nel manico dell’utensile; quindi può essere usata liberamente senza l’ingombro del filo. La ricarica della batteria avviene in maniera automatica quando la pistola viene collocata sul suo supporto da tavolo, che è provvisto anche di un piccolo vassoio che protegge le superfici dal gocciolamento.

La PHP 500 E3 è dotata anche della custodia a valigetta e 3 stick di colla da 11 millimetri di diametro; il suo rapporto qualità-prezzo è leggermente sfavorevole però, perché esistono modelli più affidabili a un costo decisamente più vantaggioso.

 

Pro

Valigetta: Si tratta dell’unica pistola incollatrice esaminata nella nostra classifica ad essere dotata di una custodia rigida a valigetta; questo accessorio, oltre a migliorare la modalità di conservazione dell’attrezzo, ne facilita anche il trasporto all’occorrenza.

A batteria: L’alimentazione senza fili incrementa al massimo la praticità e la libertà di utilizzo; durante la fase di preriscaldamento è consigliabile lasciarla sulla base di ricarica però, in modo da non ridurre ulteriormente l’autonomia della batteria.

Base di ricarica: Non solo provvede a fare da supporto alla pistola e a permettere la ricarica della batteria, ma è provvista anche di un’estensione situata in corrispondenza dell’ugello, che impedisce a quest’ultimo di colare sulle superfici.

 

Contro

Costosa: Il prezzo è un po’ fuori dalle righe; in commercio esistono pistole incollatrici dalle prestazioni analoghe, per giunta prodotte da brand blasonati, a un costo minore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Laluztop Weinas S-601 pistola per colla a caldo 

 

L’ultimo articolo che abbiamo esaminato per voi è la Weinas S-601, commercializzata dal brand Laluztop. La sua caratteristica principale sta nella potenza; tra le varie pistole incollatrici disponibili nella fascia dei prodotti a basso costo, infatti, questa è una delle poche a poter vantare una potenza nettamente superiore alla media standard: ben 100 watt. Questo la rende estremamente veloce anche per quanto riguarda la fase di pre riscaldamento; inoltre presenta ulteriori piccoli accorgimenti che incrementano la sicurezza d’uso, come l’ugello rivestito in gomma per esempio.

La confezione include anche una scorta di 20 bastoncini di colla da 11 millimetri di diametro e 20 centimetri di lunghezza; manca invece una custodia per contenere il tutto. La vera pecca di questa pistola incollatrice, però, consiste in un effetto collaterale dovuto alla sua elevata potenza, e cioè la tendenza a surriscaldarsi quando viene adoperata per un tempo prolungato.

 

Pro

Prezzo: Il costo della Weinas S-601 è decisamente vantaggioso, sia perché è accessoriata con una scorta di 20 stick di colla sia perché ha una potenza superiore rispetto alla media standard.

Potente: Come accennato prima, la potenza della Weinas arriva a ben 100 watt, mentre di solito le pistole per colla a caldo amatoriali hanno potenza che va dai 20 ai 60 watt al massimo.

Maneggevole: A parte la leggerezza e le dimensioni compatte, possiede anche il grilletto a leva; quest’ultimo è estremamente pratico perché consente di avere un maggiore controllo sulla pressione applicata.

 

Contro

Surriscalda: La potenza elevata ha un effetto collaterale purtroppo: quando la pistola viene usata per tempi prolungati, tende a surriscaldarsi più del dovuto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere le migliori pistole per colla a caldo

 

Tutto dipende dalla frequenza d’uso e dal tipo di applicazioni; questi sono gli unici parametri di cui bisogna tenere conto quando bisogna decidere quale pistola per colla a caldo comprare.

La potenza è il fattore più importante

Per capire come scegliere una buona pistola per colla a caldo bisogna innanzitutto conoscere quali sono le differenze che passano tra i modelli disponibili nella fascia di prezzo più economica e quelli appartenenti alle fasce superiori. La potenza della resistenza elettrica, il diametro degli stick e le caratteristiche strutturali sono i requisiti primari di questo attrezzo e variano a seconda del modello, ma l’unico parametro che è determinante ai fini della destinazione d’uso è la potenza.

Le pistole incollatrici più economiche, per esempio, sono caratterizzate da una potenza limitata con resistenze elettriche che non assorbono più di 20 watt, al massimo 60 watt nei modelli più prestanti; quelle che rientrano nella fascia intermedia di mercato possono arrivare anche a 200 watt di potenza invece, mentre quelle appartenenti alla fascia più alta possono arrivare a 300 watt e oltre.

Se avete esigenze prettamente amatoriali e vi serve una pistola incollatrice da usare saltuariamente, quando dedicate un po’ del vostro tempo libero agli hobby creativi oppure per occasionali riparazioni domestiche, allora si può tranquillamente puntare su un modello a basso costo. In molti casi le pistole economiche sono vendute in kit che includono anche una buona scorta di stick di colla, e in questo caso è possibile risparmiare ulteriormente sulla spesa d’acquisto.

Gli altri requisiti

Le dimensioni dell’alloggiamento dello stick variano a seconda del suo diametro; in commercio, infatti, si possono trovare stick da 7 millimetri, alcuni da 11 o da 12 millimetri, e altri ancora da 20 millimetri di diametro. Come accennato nel paragrafo precedente, inoltre, il diametro degli stick compatibili con la pistola non è determinante per sua la destinazione d’uso; infatti esistono pistole incollatrici destinate a uso hobbistico che sono compatibili con gli stick da 20 millimetri, e modelli destinati a uso industriale o professionale che sono compatibili con stick dal diametro inferiore e viceversa.

Lo stesso discorso vale per le caratteristiche strutturali; alcuni modelli sono dotati di un semplice grilletto per esempio, mentre altri hanno una leva che si aziona con l’intera mano; quest’ultimo sistema permette di avere un controllo maggiore sulla pressione esercitata per estrudere la colla, incrementa la precisione di lavoro e riduce gli sprechi. Anche in questo caso il sistema a leva può essere presente indistintamente sia sulle pistole economiche sia su quelle più costose, dipende soltanto dalle scelte operate dalle diverse ditte produttrici.

La qualità dei materiali, invece, è ovviamente proporzionata al prezzo. Di conseguenza le pistole più economiche sono realizzate con materiali meno resistenti rispetto a quelle più costose. La scelta del materiale è subordinata al tipo e alla frequenza di utilizzo dell’attrezzo, e se questo è progettato per essere usato in maniera intensiva è normale che richieda una maggiore resistenza strutturale e venga realizzato con materiali di prima scelta che incidono sul prezzo.

 

 

 

Come funziona la pistola per colla a caldo

 

La resistenza elettrica e il tempo di preriscaldamento

La pistola per colla a caldo è un utensile elettrico dotato di una resistenza in grado di generare una temperatura che varia da un minimo di 160° fino a un massimo di 220° o più, a seconda del modello e della destinazione d’uso. Per funzionare deve essere collegarla a una presa di corrente quindi, infatti la maggior parte delle pistole incollatrici sono alimentate mediante filo in modo da garantire la continuità di esercizio. 

Ciò non toglie che si possano trovare anche dei modelli alimentati a batteria, ma queste hanno un’autonomia limitata visto che per generare una temperatura così alta occorre molta energia. Sempre in base al tipo di pistola e alla sua destinazione d’uso, inoltre, per raggiungere la temperatura massima occorre aspettare il tempo necessario al preriscaldamento.

Come usare la pistola per colla a caldo

Come accennato nel paragrafo precedente, per usare la pistola incollatrice bisogna innanzitutto collegarla alla presa di corrente e attendere il tempo necessario affinché la resistenza elettrica raggiunga la temperatura di esercizio. Il tempo di attesa varia a seconda della potenza e del tipo di pistola; quelle più economiche per esempio, possono richiedere anche più di cinque minuti per il preriscaldamento visto che di solito la loro potenza varia dai 20 ai 60 watt al massimo. Le pistole hobbistiche di fascia media possono arrivare anche a 200 watt di potenza, e quelle destinate a uso professionale a più di 300 watt; di conseguenza hanno un tempo di preriscaldamento minimo, a volte quasi nullo.

Una volta raggiunta la temperatura di esercizio, basta fare pressione sul grilletto per azionare il meccanismo che spinge il bastoncino verso la resistenza elettrica, questa fonde la colla che viene poi spinta fuori dall’ugello; quando lo stick sta per esaurirsi, poi, basta inserirne un altro senza rimuovere quello usato, che in questo modo si consumerà fino ad esaurirsi del tutto.

Come pulire la pistola per colla a caldo

Uno dei “difetti” congeniti delle pistole incollatrici è il gocciolamento, un fenomeno che accade quando la colla continua a colare anche dopo aver interrotto la pressione sul grilletto. Questo problema è strettamente connesso alla meccanica di trascinamento; se si attua una pressione eccessiva sul grilletto per esempio, oppure lo si preme più volte in rapida successione, lo stick di colla continua ad avanzare anche quando si smette di premere.

La colla residua che rimane nell’ugello, quindi, continua a colare fino a quando lo stick non si ferma del tutto. La colla non rimossa tende a seccarsi e indurirsi di nuovo quando la pistola viene spenta; in questo caso per pulire l’ugello basta accenderla senza inserire lo stick di colla, aspettare che raggiunga la temperatura e poi rimuovere l’eccesso di colla fusa usando un pezzo di foglio di alluminio intorno ai bordi, facendo attenzione a non scottarsi.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve la pistola per colla a caldo?

La pistola incollatrice viene adoperata per una vasta gamma di applicazioni, a partire dall’ambito domestico e hobbistico fino a quello professionale e industriale. La colla a caldo, infatti, è usata per l’incollaggio rapido di legno, cartone, carta, stoffe e tessuti, feltro e qualsiasi altro materiale abbia una superficie porosa.

L’imballaggio, la produzione di scarpe, la realizzazione di scenografie e costumi, l’assemblaggio di forme, queste e altre applicazioni ancora sono solo alcuni esempi dei possibili usi.

Che tipi di colla si possono usare nella pistola per colla a caldo?

Le tipologie di colla a caldo più diffuse sono due, la colla EVA e la colla PUR.

La colla EVA è costituita da resine termoplastiche di etilene vinil acetato, alle quali vengono aggiunte cariche di carbonato di calcio per incrementare la temperatura di presa e di fusione; questo tipo di colla è più diffuso nell’ambito del fai da te e nella realizzazione di imballaggi, ma viene adoperata anche nelle costruzioni per la bordatura di pannelli o per rivestire cornici e profili.

La colla PUR invece, essendo a base poliuretanica reattiva, ha una maggiore resistenza al calore e dopo essere stata sciolta la prima volta indurisce in maniera definitiva, formando dei legami reticolari estremamente resistenti; inoltre è resistente anche ai solventi e all’acqua, ragion per cui è adoperata soprattutto in ambito industriale e professionale, nel campo delle costruzioni e in quello manifatturiero, per scarpe, posa in opera di pavimentazioni, imballaggi e altre applicazioni.

 

Quanto costa una pistola per colla a caldo?

Il prezzo varia soprattutto in base alla destinazione d’uso; i modelli più economici oscillano dai 15 ai 30 euro circa, ma sono ovviamente destinati a un uso prettamente domestico.Nella fascia di prezzo intermedia invece, che va dai 40 ai 70 euro circa, si trovano pistole in collatrici adatte per uso hobbistico e artigianale, mentre quelle destinate a uso industriale e professionale partono dai 90 euro in su.

 

Come usare la colla a caldo senza pistola?

La colla a caldo ha bisogno di essere portata a una temperatura di almeno 170° per fondere e diventare fluida; teoricamente, quindi, è possibile scioglierla con metodi differenti che non prevedono l’uso della pistola. È possibile scaldare gli stick su una fiamma, per esempio, oppure usare un ferro caldo; in ogni caso queste alternative non sono consigliabili perché sono poco efficaci e potenzialmente dannose.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS