Caratteristiche e utilizzi della vernice per cemento esterno calpestabile

Ultimo aggiornamento: 29.09.22

 

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle vernici per cemento esterno calpestabili: le diverse tipologie in commercio, le caratteristiche, i metodi di applicazione e i prezzi.

 

La vernice resina è la soluzione ideale per rivestire le pavimentazioni senza dover spendere grosse cifre; questa particolare tipologia di pittura, infatti, è studiata apposta per coprire superfici calpestabili e di conseguenza è strutturata in modo tale da durare a lungo e resistere alla pioggia e agli agenti atmosferici. Fatta eccezione per gli smalti epossidici, inoltre, le vernici per pavimenti a base acrilica e quelle per cemento a base poliuretanica non richiedono particolari competenze per la posa in opera, anzi possono essere facilmente applicate con il pennello o con il rullo per pittura.

Anche se in origine è nata per applicazioni in ambito industriale e commerciale, l’uso della vernice calpestabile per pavimenti si è ben presto esteso anche in ambito domestico proprio grazie alle sue caratteristiche; la sua facilità di applicazione è apprezzata soprattutto dagli appassionati di fai da te e dalla fascia di utenza più attenta al risparmio, perché permette di fare tranquillamente a meno di ricorrere all’intervento di un professionista.

Prima di affrettarsi ad acquistarla, però, è bene sapere che in commercio esistono diverse tipologie di pittura resina, ognuna con le sue caratteristiche specifiche, andiamo quindi ad approfondire ulteriormente l’argomento.

 

Caratteristiche e tipologie

La premessa da cui partire è che indipendentemente dalla loro tipologia, tutte le vernici per pavimenti sono a base di resina, ma non tutte sono adatte per il cemento; alcune vanno bene per il marmo, per esempio, mentre altre sono fatte apposta per verniciare le piastrelle.

La resina per vernici è un componente vitale che conferisce a queste pitture il giusto grado di resistenza infatti, ma determina anche il tipo di materiale su cui possono essere applicate, quindi bisogna fare una netta distinzione tra le resine per vernici acriliche, quelle epossidiche e quelle poliuretaniche.

Lo smalto epossidico per pavimenti, per esempio, è una particolare tipologia di vernice adoperata prevalentemente in interni e richiede una preparazione più complessa rispetto alle vernici con resina acrilica; lo smalto epossidico, infatti, deve essere diluito con solventi chimici e ha bisogno di un catalizzatore per indurire. Una volta aggiunto il catalizzatore, inoltre, il tempo di asciugatura è molto rapido ragion per cui questo tipo di vernice non è adatto per il fai da te, soprattutto per coloro che sono alle prime armi.

Le vernici a base di resina acrilica, invece, si diluiscono in acqua, hanno tempi di asciugatura più lenti e non richiedono particolari tecniche o esperienza per la posa in opera; lo stesso discorso vale per le vernici a base poliuretanica che vengono utilizzate prevalentemente per le pavimentazioni in cemento.

Come accennato nell’introduzione, la caratteristica principale di queste vernici, in generale, è quella di possedere una notevole resistenza ai graffi e agli urti, ma solo le vernici poliuretaniche sono in grado di resistere all’esposizione diretta al sole senza scolorire nel tempo.

Gli smalti epossidici e le altre vernici per pavimenti a base di resina acrilica, invece, pur mantenendo le caratteristiche di resistenza primarie, non sono in grado di resistere ai raggi UV e col passare del tempo tendono a scolorire.

 

La vernice per cemento esterno calpestabile

La vernice ideale da usare per dipingere il pavimento garage, il marciapiede in cemento antistante la proprietà o le pavimentazioni esterne è comunemente nota come vernice per cemento, ed è composta da resine poliuretaniche disciolte in una base acquosa.

Questo tipo di vernice non è infiammabile, è completamente inodore, si diluisce in acqua e di conseguenza è estremamente semplice da adoperare, anche per gli appassionati di fai da te senza alcuna esperienza.

Il prezzo della vernice poliuretanica per cemento può oscillare dai 15 ai 35 euro circa, a seconda del produttore, della quantità di vernice e delle sue eventuali caratteristiche aggiuntive. Di solito il prezzo medio per un barattolo da quattro litri si aggira sui 25-28 euro circa, ma in commercio si possono facilmente reperire anche delle vernici per cemento con caratteristiche speciali il cui costo può arrivare persino ai 90 euro al barattolo; questo tipo di vernici, però, sono destinate ad applicazioni specifiche e richiedono anche l’intervento di un professionista per essere applicate correttamente.

 

Come applicare la vernice per cemento

Prima di stendere la vernice per cemento bisogna preparare adeguatamente la superficie; se il cemento è stato gettato di recente è consigliabile aspettare prima due o tre settimane e poi stendere la pittura quando il cemento è completamente asciutto.

Se la pavimentazione è di vecchia data invece, allora bisogna cominciare eliminando tutte le eventuali crepe formatesi nel tempo, stuccandole con la malta di cemento a presa rapida; il passo successivo consiste nel pulire la superficie in modo da rimuovere qualsiasi traccia di grasso. A questo scopo basta usare dell’acetone oppure dello shampoo per cemento, avendo cura di strofinare bene le aree intrise di grasso con una spazzola dalle setole dure; dopo aver pulito e sciacquato abbondantemente, poi, bisogna attendere che il cemento si asciughi del tutto prima di stendere la vernice. Eventuali zone di demarcazione inoltre, come i bordi della pavimentazione o le strisce di parcheggio, possono essere delimitate usando del nastro adesivo.

Per la prima mano è consigliabile preparare la pittura diluendola con il 5-10% di acqua, in modo da renderla più liquida e facilitare la penetrazione nel cemento; la consistenza più acquosa permetterà anche di stenderla più facilmente. Per le mani successive, invece, è preferibile adoperare la vernice pura, in modo da conservare intatte le sue proprietà di resistenza e durata.

Per facilitare al massimo il lavoro è consigliabile stendere la pittura con il rullo e limitare l’uso del pennello solo nelle zone d’angolo, per eseguire finiture e per dipingere eventuali strisce di parcheggio.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

2 COMENTARIOS

Mariella

February 21, 2022 at 9:00 pm

Le resine poliuretaniche in base acquosa, per cemento in esterno, sono permeabili?
Grazie
Mariella

Répondre
Flavio EU

February 24, 2022 at 6:55 pm

Salve Mariella,

dipende dalla tipologia di resina e dalla sua destinazione d’uso, alcune sono semi-permeabili mentre altre sono completamente impermeabili. Basta specificare al negoziante il tipo che più ti interessa al momento dell’acquisto oppure, se le stai acquistando online, verificare le proprietà del prodotto nella sua scheda tecnica.

Saluti

Team EU

Répondre