Tutorial e modelli per creare bellissime borse fai da te

Ultimo aggiornamento: 30.11.22

““Se c’è una cosa che ha resistito a tutte le innovazioni tecniche dai tempi del medioevo, è la borsa delle donne”” – Isaac Asimov

 

Ecco alcuni consigli sui materiali, le tecniche, gli attrezzi adoperati per realizzare borse fai da te, incluse alcune semplici linee guida a beneficio dei principianti.

Le borse sono uno degli accessori che maggiormente si prestano alla realizzazione in proprio, soprattutto le borse di stoffa. Questo però non significa che tutte le borse fai da te siano facili da fare; come capita per molti altri hobby e discipline del bricolage, infatti, anche la creazione di una borsa può essere affrontata a vari livelli di difficoltà.

Realizzare una borsa fatta a mano non è soltanto una buona scusa per risparmiare, ma è soprattutto un modo per distinguersi e dare sfogo al proprio spirito creativo. Le possibilità realizzative sono innumerevoli, ma sono indissolubilmente legate ai materiali e, di conseguenza, dipendono dal grado di esperienza e manualità che si possiede. Per capire meglio questo concetto, quindi, cominciamo con l’esaminare i materiali che si prestano maggiormente alla creazione di una borsa fai da te.

Tessuti, filati e pelle

Come accennato in precedenza, alcuni materiali hanno il pregio di essere più “facili” da lavorare rispetto ad altri, e quindi di essere più adatti per i principianti. I tessuti, per esempio, sono estremamente versatili, sia perché sono facilmente modellabili sia per la gamma di colori e decorazioni disponibili; per realizzare borse in tessuto occorrono soltanto forbici, colla e strumenti da cucito infatti. Anche la scelta è particolarmente ampia; le tele sono le migliori ovviamente, per resistenza e praticità, ma è possibile adoperare anche il feltro o il pannolenci, a seconda dello spessore richiesto, e i tessuti sintetici.

Anche il pizzo, i merletti, l’organza e altri tessuti più leggeri possono comunque essere usati come elementi per abbellire e decorare ulteriormente la borsa, a seconda del modello che si intende realizzare. Altre possibilità sono offerte dai filati; in questo caso parliamo soprattutto di rowen, swan, tulle, rafia, iuta, coda di topo, cordino thai, fettuccia e altre fibre che sono ideali per la realizzazione di borse all’uncinetto.

I filati, a differenza dei tessuti, consentono una maggiore creatività per quanto riguarda gli schemi progettuali, ma in ogni caso la realizzazione delle borse uncinetto è consigliata soprattutto a chi ha già esperienza e manualità nell’uso dei ferri. Volendo, però, la realizzazione di un modello piccolo e semplice come una pochette fai da te, per esempio, potrebbe essere l’occasione giusta per imparare i primi rudimenti dell’uncinetto.

Similpelle, pelle e cuoio, invece, a meno di non essere destinati esclusivamente alla realizzazione di manici per borse, sono materiali consigliati soltanto a chi ha una certa esperienza. La similpelle è forse il più semplice dei tre, grazie anche allo spessore ridotto rispetto al cuoio, ma richiede comunque una discreta conoscenza su come maneggiarlo; inoltre ha una buona resa solo se viene cucito a macchina.

Il cuoio è il più difficile da lavorare, a causa dello spessore e delle attrezzature richieste, che sono specifiche; e per essere cucito a macchina richiede l’uso di un’attrezzatura professionale, altrimenti bisogna limitarsi alla cucitura a mano con strisce di cuoio. Proprio grazie alla sua elevata resistenza, inoltre, il cuoio è particolarmente adatto per la realizzazione di modelli a uso tecnico, come per esempio la borsa porta attrezzi.

 

Gli accessori

Borchie, fibbie, chiusure lampo e altri accessori per borse, vanno scelti con attenzione e in maniera congrua al tipo di borsa che si intende realizzare. Mettere delle fibbie metalliche troppo grosse e pesanti su una borsa di stoffa leggera, per esempio, non è una soluzione molto pratica. Le finiture contribuiscono non poco allo stile di una borsa, quindi devono essere scelte con criterio in modo da accostarsi alla perfezione. Un uso adeguato delle finiture metalliche nelle borse più leggere, per esempio, consiste nell’adoperare le catenelle al posto dei manici rigidi.

 

Altri materiali

Prendere in considerazione l’uso di altri materiali, come legno, plastica, resina epossidica e oggetti vari o di recupero, come vecchi bottoni, perline e bigiotteria, non è un’idea da trascurare. Questi materiali si prestano sia per la realizzazione di finiture e decorazioni particolari sia per elementi primari della borsa, come nel caso di manici realizzati in legno per esempio, oppure in legno e resina epossidica. Quest’ultimo materiale è estremamente versatile e permette una vasta gamma di realizzazioni, ma come per il cuoio richiede una certa esperienza per essere adoperato.

Dove reperire le idee

I più creativi non avranno problemi a disegnare i propri progetti, mettendo su carta le idee più svariate dettate dall’ispirazione del momento. I principianti e coloro che sono meno portati all’astrazione, invece, potranno tranquillamente ricorrere a internet per trovare gli spunti che desiderano; chi è alle prime armi, per esempio, può avvalersi dei tanti tutorial video che si trovano su piattaforme come Youtube per esempio.

Per quanto riguarda gli schemi e i cartamodelli per le borse, invece, il sito Pinterest rappresenta forse il più ampio bacino a cui poter attingere; ovviamente è possibile ricorrere anche a pubblicazioni cartacee, come riviste e libri specializzati. Questi possono essere reperiti sia nelle edicole sia nelle librerie ben fornite.

 

Le attrezzature richieste

Gli strumenti necessari per la realizzazione di una borsa fatta a mano sono svariati, e non tutti sono comunque necessari. Come accennato nel paragrafo dedicato ai materiali, infatti, per creare borse in tessuto e in filati occorrono soltanto la macchina per cucire, un set per il cucito a mano, i ferri o gli uncinetti, la colla a caldo, il gesso per tracciare le forme sui tessuti, il metro da sarto e via dicendo.

Per creare borse in cuoio servono invece lesine, bulini, punteruoli, spatole e altri strumenti specifici per la lavorazione di questo materiale; per il legno e per la resina epossidica, invece, sono richieste attrezzature più complesse. Quando vi trovate nella condizione di dover decidere quale tipo di borsa creare e con quali materiali, quindi, tenete conto di questo fattore in modo da scegliere la soluzione più adatta alle vostre possibilità.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

2 COMENTARIOS

Gabriella

June 8, 2022 at 6:35 am

Mi piacerebbe sapere quali materiali si usano per irrigidire i tessuti e dove reperirli.
Grazie

Répondre
Flavio EU

June 16, 2022 at 9:02 am

Buongiorno Gabriella,

sul mercato ci sono una serie di prodotti ad hoc, pensati per irrigidire i tessuti e assolutamente sicuri, perché spesso a base di acqua. Come per esempio questo di Rayher: https://www.amazon.it/3450500-indurente-tessuti-contenuto-trasparente/dp/B00560RQJ2/?tag=scontibuono-21

Saluti
Team EU

Répondre