Le 8 migliori pistole termiche del 2022

Ultimo aggiornamento: 28.09.22

 

Pistole termiche – Opinioni, analisi e guida all’acquisto 

 

Non riuscite ancora a scegliere la pistola termica più adatta alle vostre esigenze? Nessun problema! La nostra guida all’acquisto è fatta proprio per offrirvi tutte le informazioni utili sull’argomento, in maniera chiara e semplice. Se però non avete molto tempo a disposizione per approfondire le vostre conoscenze in materia, allora potete dare un’occhiata ai diversi modelli che abbiamo esaminato in maniera dettagliata, i quali sono elencati in ordine di importanza e in base alle richieste di mercato. Al primo posto si colloca la Bosch EasyHeat 500, una pistola termica destinata agli hobbisti e agli amanti del fai da te che si distingue per l’eccellente rapporto qualità-prezzo, mentre al secondo troviamo la Bosch Professional GHG 23-66, che invece è la più apprezzata dalla fascia di utenza professionale grazie alle sue prestazioni superiori.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori pistole termiche – Classifica 2022

 

Ed eccoci all’analisi dettagliata delle otto pistole termiche attualmente più richieste sul mercato, ordinate secondo le caratteristiche, le prestazioni, il rapporto qualità-prezzo e il numero di esemplari venduti.

 

 

Pistola termica Bosch

 

1. Bosch Home and Garden EasyHeat 500 termosoffiatore 1.600W

 

In prima posizione nella nostra classifica troviamo quella che, secondo i pareri degli acquirenti, è considerata la migliore pistola termica del 2022 tra quelle destinate a uso domestico e hobbistico: la EasyHeat 500 prodotta dalla ditta tedesca Bosch.

La sua struttura è leggera e compatta, il che la rende estremamente maneggevole e facile da usare anche per gli hobbisti alle prime armi; l’impugnatura è confortevole e sul retro è rivestita da uno strato di gomma morbida antiscivolo, in modo incrementare l’efficacia della presa; sempre sul lato posteriore dell’impugnatura, inoltre, è collocato il pulsante rosso per la regolazione della temperatura.

La pistola termica Bosch, pur essendo un elettroutensile di fascia media destinato a uso hobbistico, è uno dei più venduti grazie all’affidabilità del noto marchio tedesco. Non spaventatevi se al primo utilizzo emette un forte odore di plastica cotta, è del tutto normale e negli utilizzi successivi non accade più.

 

Pro

Qualità-prezzo: La EasyHeat 500 è vantaggiosa sotto tutti gli aspetti: possiede la tipica affidabilità del marchio Bosch, è fatta con ottimi materiali, è duratura e ha un rapporto qualità-prezzo a dir poco eccellente.

Regolabile: La potenza di 1.600 Watt permette di generare due diversi livelli di temperatura: 300 oppure 500 gradi Celsius, con un flusso d’aria che può essere impostato sui 240 o sui 450 litri al minuto.

Leggera e maneggevole: Pesa soltanto 470 grammi, è compatta ed è estremamente maneggevole e semplice da usare, anche per i principianti alle prime armi; la dotazione di accessori include solo la valigetta.

 

Contro

Primo utilizzo e accessori: Al primo avvio emette un forte odore, che poi scompare negli usi successivi; la dotazione accessori non include gli ugelli, che vanno acquistati a parte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pistola termica professionale

 

2. Bosch Professional GHG 23-66 termosoffiatore con valigetta 2.300W

 

A coloro che si chiedono dove acquistare una pistola termica professionale, invece, suggeriamo caldamente di dare un’occhiata ravvicinata a un altro modello prodotto sempre dalla ditta tedesca Bosch, ma per la linea specifica Professional: il GHG 23-66.

In comparazione al modello EasyHeat 500 esaminato in precedenza, infatti, il termosoffiatore Bosch Professional si distingue innanzitutto per il livello di prestazioni offerte, nettamente superiore, e per una dotazione accessori di tutto rispetto che, oltre alla borsa per il trasporto, include anche cinque ugelli diversi.

I professionisti che hanno avuto modo di usarla riferiscono che si tratta della migliore pistola termica per chi ha esigenze d’uso intensivo; il suo design è compatto ma più curato rispetto al modello hobbistico, l’impugnatura è fornita della guardia per le dita, la potenza superiore permette di raggiungere una temperatura massima di 650 gradi in tempi rapidi, con un range di regolazione a partire da 50 gradi.

 

Pro

Prestazioni professionali: Il range di regolazione della temperatura varia da un minimo di 50°, per le applicazioni “a freddo”, fino a un massimo di 630°, con un flusso d’aria che oscilla dai 150 ai 500 litri al minuto a seconda della regolazione.

Velocità costante: A differenza delle pistole termiche destinate a uso hobbistico, la GHG 23-66 genera un flusso d’aria stabile dalla velocità costante, anche quando è regolata sulla temperatura più alta.

Efficiente e sicura: I suoi 2.300 Watt di potenza le permettono di arrivare a 650° in tempi brevissimi, e grazie alla protezione termica sull’elemento riscaldante, non si corre il rischio di surriscaldamento.

 

Contro

Prezzo: Purtroppo è la più costosa delle pistole termiche esaminate, quindi è adatta solo all’utenza professionale e agli hobbisti più esigenti che non hanno problemi di budget.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pistola termica a batteria

 

3. Ryobi R18HG-0 One+ 5133004423 soffiatore ad aria calda a batteria 18V

 

Il nuovo trend degli elettroutensili compatti è quello dell’alimentazione a batteria perché, anche se da un lato incide sul prezzo, dall’altro incrementa notevolmente la praticità d’uso. Al terzo posto, quindi, troviamo la pistola termica a batteria R18HG-0 della ditta giapponese Ryobi, nota per la produzione di elettroutensili di fascia media destinati all’utenza hobbistica. 

Dal punto di vista economico si colloca tra la Bosch Professional e la Bosch Hobby, ma nonostante sia un modello affidabile e soprattutto pratico da usare, grazie all’assenza del filo, le sue prestazioni sono inferiori a entrambi i modelli esaminati in precedenza.

In compenso è un modello di gran lunga più economico rispetto a quelli analoghi prodotti dalle ditte più blasonate, che in ogni caso sono molto pochi data la particolare natura dell’elettroutensile. La batteria ovviamente va acquistata a parte, come accade anche per i modelli della concorrenza, in compenso la dotazione di accessori include due ugelli.

 

Pro

Pratica e maneggevole: Il vantaggio dei termosoffiatori a batteria è quello di essere privi dell’ingombro rappresentato dal filo di alimentazione, quindi sono molto più pratici e possono essere usati praticamente ovunque.

Efficiente: Anche se la temperatura massima raggiunge “soltanto” i 470°, lo fa in appena 60 secondi. Di conseguenza la Ryobi, pur essendo destinata alla fascia di utenza hobbistica, è una pistola termica efficiente e funzionale.

LED: L’ulteriore vantaggio è quello di possedere un LED integrato che permette di illuminare l’area di lavoro, il che le permette di essere usata anche in condizioni di scarsa visibilità.

 

Contro

Autonomia: Trattandosi di un elettroutensile hobbistico, la batteria tende a scaricarsi in fretta, soprattutto se la pistola è regolata sulla temperatura massima.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pistola termica per saldare PVC

 

4. Sea Baby House 1.600W pistola termica per saldatura in aria calda plastica e PVC

 

Quella prodotta per il marchio Sea Baby House è una pistola termica per saldare PVC e plastica, ma la destinazione d’uso specifica non è l’unica particolarità di questo elettroutensile.

Pur essendo un attrezzo di tipo generico infatti, cioè non marchiato da un brand specifico del settore, offre delle prestazioni di tipo professionale e per questo è caratterizzato da un costo abbastanza elevato. Nonostante ciò è uno dei più richiesti tra i modelli di questo tipo attualmente venduti online ed è apprezzato anche da molti professionisti, i quali ne alternano l’uso con le pistole professionali prodotte dai marchi “ufficiali”, e quindi di gran lunga più costose.

La Sea Baby House infatti, per quanto elementare nel design, è potente e affidabile, infatti la temperatura emessa può variare dai 30° ai 700°; gli accessori includono il manuale, due diversi ugelli per saldatura, un rullo di silicone a pressione e alcune barre di plastica.

 

Pro

Per saldatura: Si tratta di una pistola termica per saldature ad aria calda, da usare specificamente per la plastica e per il PVC.

Prestazioni di tipo professionale: Ha una potenza di 1.600 Watt e un campo di regolazione della temperatura che va da un minimo di 30° fino a un massimo di 700°, il flusso d’aria è costante a 230 litri al minuto.

Ben accessoriata: Viene venduta in un set che, oltre alla pistola e al manuale d’uso, include due diversi tipi di ugello più un rullo di silicone e alcune barre in plastica da usare per le saldature.

 

Contro

Limitazioni d’uso: Fatta eccezione per il PVC, che può essere saldato anche alla plastica acrilica, altri tipi di plastica possono essere saldati solo se hanno la stessa composizione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pistola termica Einhell

 

5. Einhell 4520184 TC-Ha 2000/1 Pistola Ad Aria Calda 

 

Con la pistola termica Einhell ci spostiamo di fatto nella fascia dei modelli disponibili a prezzi bassi; la prima cosa che salta all’occhio della TC-Ha 2000/1, infatti, è il costo che è di quelli facilmente accessibili. Va da sé che si tratta di uno strumento pensato esclusivamente per un utilizzo domestico e non intensivo, ma che nel suo piccolo, tutto sommato, risulta efficiente e funzionale.

Questa pistola termica è tra le più richieste da chi non vuole spendere molto e il merito è da ascrivere sia all’affidabilità del marchio, sia alla capacità di raggiungere i 550 gradi e un flusso d’aria di 500 litri al minuto. L’alternativa è rappresentata dalla temperatura di 350 gradi e di 300 litri al minuto, così potrete scegliere tra due stadi di calore differenti in base alle necessità. 

La qualità dei materiali di fabbricazione e l’assemblaggio, però, sono mediocri, di conseguenza la durabilità dell’attrezzo è proporzionata all’intensità d’uso; anche gli ugelli sono scadenti e si deformano in fretta sotto l’azione del calore.

 

Pro 

Economica: Indubbiamente il tratto distintivo di questa pistola di Einhell è il suo prezzo basso che la rende facilmente accessibile anche a chi non ha un budget elevato a disposizione.

Versatile: L’apparecchio consente di scegliere tra due temperature (350 e 550 gradi) e tra due velocità del passaggio dell’aria. 

Sicurezza: Può essere utilizzata senza preoccupazioni, sia per la stabilità con cui si posiziona in verticale sia per la presenza della protezione anti surriscaldamento.

 

Contro 

Materiali: La qualità di quelli utilizzati per la scocca e gli ugelli è modesta, il che si traduce nel rischio che si rovini piuttosto velocemente. D’altra parte parliamo di un articolo particolarmente economico.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pistola termica Tacklife

 

6. Tacklife Pistola ad Aria Calda HGP73AC Elettrica Professionale 2000W

 

La pistola termica Tacklife è ugualmente destinata all’uso domestico e amatoriale, ma è leggermente più cara rispetto alla Einhell; in questo caso, però, la differenza di prezzo è giustificata dalle prestazioni migliorate.

La potenza è analoga, 2.000 Watt ma, a differenza della pistola Einhell, la Tacklife permette di regolare la temperatura a piacimento entro un arco che va dai 50° ai 600°, in modo da poterla usare anche per applicazioni “a freddo”. Le portate d’aria regolabili sono due invece di tre. La dotazione di accessori, invece, non include la valigetta per la custodia e il trasporto ma consiste in quattro ugelli al posto di tre.

È leggera, maneggevole e funzionale, discretamente robusta a dispetto del fatto di essere realizzata quasi interamente in plastica, ed è ideale per l’uso domestico occasionale e per gli amanti del bricolage; ma non è assolutamente consigliata per uso professionale o intensivo.

 

Pro

Per hobbisti: Se non avete grosse esigenze ma vi occorre soltanto per adoperarla occasionalmente, la Tacklife è la pistola termica ideale, con prestazioni leggermente superiori rispetto alla media.

Regolabile: A differenza di altri modelli analoghi destinati all’uso hobbistico, infatti, il termosoffiatore Tacklife offre una potenza leggermente maggiore e un campo di regolazione più ampio rispetto alla media.

Conveniente: Il prezzo è molto accessibile e la qualità perfettamente proporzionata al costo, quindi è ottima per chi non vuole spendere cifre eccessive.

 

Contro

Valigetta: La dotazione di accessori include quattro ugelli ma non la valigetta, che sarebbe stata molto utile per custodire l’attrezzo e trasportarlo facilmente all’occorrenza.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pistola termica TECCPO

 

7. TECCPO TAHG07P pistola termica elettrica avanzata 2.000 Watt

 

Parliamo di una ditta di recente costituzione nel settore degli elettroutensili, che è comunque assimilabile ad altri marchi, anche più blasonati e i cui prodotti sono disponibili nella fascia più economica di mercato.

La pistola termica TECCPO è infatti simile alle altre due che la precedono nella nostra classifica: ha una potenza di 2.000 Watt, un campo di regolazione della temperatura su tre livelli: 50°, 480° e 600°, e due diverse portate d’aria che variano in funzione della temperatura impostata.

Dal punto di vista strutturale e del design è ben fatta, compatta e maneggevole, è dotata anche di protezione termica contro il surriscaldamento e data la massima temperatura raggiungibile alcuni la considerano quasi semiprofessionale; nonostante tutto, però, rimane pur sempre un elettroutensile a basso costo, quindi la regolazione della temperatura pecca di precisione e non è adatta per l’uso intensivo. In compenso è ottima per sverniciare ferro occasionalmente e per dissaldare componenti elettroniche.

 

Pro

Versatile: La dotazione di accessori include ben cinque ugelli di diverso tipo, il che incrementa notevolmente la versatilità d’uso della TECCPO.

Uso domestico: Se vi occorre una pistola termica per sverniciare ferro, per esempio le ringhiere dei balconi, o il legno degli infissi, questo modello è estremamente funzionale ed efficiente.

Tre livelli di temperatura: La temperatura è regolabile su tre livelli: 50°, 480° e 600°, quindi offre una discreta versatilità e può essere impiegato anche per dissaldare componenti elettroniche dalle schede stampate.

 

Contro

Valigetta e prestazioni: Anche in questo caso il limite è rappresentato dall’assenza della valigetta e dal livello di prestazioni, che è limitato alle applicazioni amatoriali.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mini pistola termica

 

8. Etepon ET021 300W mini pistola termica per fai da te

 

Concludiamo la nostra classifica con la mini pistola termica ET021, prodotta per il brand Etepon e caratterizzata soprattutto dal basso costo. Le sue dimensioni sono ancor più compatte rispetto ai modelli esaminati in precedenza, dal momento che la Etepon è priva di impugnatura, e la temperatura massima raggiunta è di soli 200°. 

Nonostante i limiti, però, è funzionale ed è dotata di dispositivo di sicurezza per il controllo della temperatura, che interrompe l’alimentazione di corrente all’attrezzo in caso di surriscaldamento.

Più che per hobbistica, però, la Etepon è consigliata soprattutto per un tipo di fai da te in piccola scala, per esempio lavori di decorazione artistica su piccoli oggetti, realizzazione di candele e saponi fatti in casa, per applicare pellicole termorestringenti, realizzare timbri in gomma e così via. Le sue funzionalità come pistola per sverniciare però, viste le prestazioni ridotte, sono limitate a superfici non molto ampie.

 

Pro

Ideale per oggettistica: Le caratteristiche della Etepon la rendono adatta soprattutto ai piccoli lavori di fai da te di stampo artigianale e artistico, per la fabbricazione domestica di sapone e candele e per applicare pellicole termorestringenti.

Prezzo concorrenziale: Il prezzo della ET021 è di poco inferiore ai tredici euro, di conseguenza è accessibile per tutte le tasche, incluse quelle dei risparmiatori più attenti.

Sicura: Nonostante sia un modello a basso costo, la ET021 è ben fatta e soprattutto sicura, infatti è dotata del dispositivo di protezione termica che scatta interrompendo l’alimentazione in caso di surriscaldamento.

 

Contro

Temperatura massima: Raggiunge soltanto i 200°, quindi la sua utilità è limitata a determinate applicazioni e, soprattutto, a un utilizzo non intensivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere le migliori pistole termiche

 

Se volete sapere quale pistola termica comprare senza correre il rischio di pagare troppo per un attrezzo sovradimensionato alle vostre necessità, oppure pagare poco ma ritrovarvi con uno strumento insufficiente alla bisogna, è bene stabilire alcuni importanti criteri di scelta.

Il costo e la destinazione d’uso 

Il costo di una pistola termica oscilla dai 10-15 euro dei modelli più economici fino ai 160 euro e oltre, a seconda delle caratteristiche strutturali e tecniche, del livello di prestazioni e della destinazione d’uso; per capire come scegliere una buona pistola termica, quindi, bisogna innanzitutto avere una chiara idea di come sarà adoperata e con quale frequenza.

La destinazione d’uso, ovviamente, è una delle prime discriminanti per scegliere l’attrezzo più adeguato; un utente professionista, per esempio, avrà naturalmente bisogno di una pistola termica che offre un livello di prestazioni elevato, resistente all’uso intensivo e che offra la capacità di regolare la temperatura a piccoli step, in modo da eseguire il lavoro con la massima precisione possibile.

La fascia hobbistica, anche se meno esigente rispetto a quella professionale, è comunque abbastanza articolata visto che spesso e volentieri include anche artigiani e professionisti che lavorano su piccola scala; se le esigenze sono di tipo domestico o amatoriale, invece, allora si può fare a meno di cercare il top delle prestazioni e orientarsi verso i modelli della fascia medio-bassa.

 

Le caratteristiche tecniche

La funzionalità primaria della pistola termica è quella di emettere un getto di aria calda, ma la temperatura di quest’ultima è funzionale alle diverse applicazioni e, a seconda del modello scelto, può avere dei limiti nel tetto massimo o minimo raggiungibile e nelle regolazioni possibili.

Dalla saldatura dei tubi di rame, per esempio, fino alla sverniciatura e all’applicazione di guaine e pellicole termorestringenti, l’intervallo di temperature utili va dai 300° ai 500° gradi circa; le cosiddette applicazioni “a freddo”, invece, sono quelle che richiedono temperature inferiori, quindi dai 300° ai 50° appena, mentre alcune applicazioni professionali possono richiedere temperature che arrivano fino a 650° e oltre.

La maggior parte dei termosoffiatori di categoria hobbistica, quindi, sono in grado di generare aria calda con temperature dai 300° ai 500°, in alcuni casi anche da 50° a 500°, mentre quelli professionali arrivano fino a 630°-650° o più, a seconda del caso.

Quello che distingue maggiormente un modello dall’altro, invece, è il campo di regolazione; i termosoffiatori economici, di costo medio e basso, hanno una regolazione limitata due, massimo tre livelli di temperatura, mentre quelli professionali possono essere regolati a intervalli di 10°-20°, in modo da offrire la massima versatilità d’uso.

Il fai da te e l’artigianato artistico

Se la pistola termica vi serve soltanto per una contingenza momentanea, per sverniciare e rimettere a nuovo gli infissi per esempio, oppure per occasionali e saltuari lavori di ristrutturazione domestica, lavori di artigianato artistico come la goffratura, oppure altre applicazioni dove non è richiesto un particolare livello di prestazioni, allora ci si può orientare anche su un modello dai 15 ai 50 euro al massimo, a seconda delle esigenze del caso.

I termosoffiatori che appartengono a questa fascia di prezzo sono qualitativamente inferiori rispetto a quelli professionali ovviamente, anche in termini di prestazioni, ma nel loro piccolo sono comunque funzionali e relativamente efficienti, a patto di non essere adoperati in maniera intensiva.

 

 

 

Come sverniciare il legno con pistola termica

 

La temperatura giusta e il tempo di applicazione

Uno dei metodi più rapidi ed efficienti per sverniciare le superfici di legno consiste proprio nell’uso della pistola termica, ma per fare un buon lavoro bisogna seguire delle regole ben precise.

La prima cosa da fare è impostare la temperatura giusta, che in questo caso è compresa tra i 500° e i 600° a seconda dell’età della vernice da rimuovere; più vecchia e secca è la pittura, infatti, e tanto più alta dovrà essere la temperatura impostata. Alcuni termosoffiatori permettono la regolazione “di fino”, con intervalli di 10° o 20° gradi a seconda del modello, a differenza dei più economici che sono tarati su livelli di temperatura standard.

Una volta impostata la temperatura prescelta, bisogna avvicinare l’ugello della pistola alla superficie verniciata, rimanendo a una distanza non inferiore ai 5-7 centimetri circa; non appena vedrete formarsi le bolle d’aria sotto la vernice, dovrete allontanare la pistola e cominciare a rimuoverla. È bene fare attenzione al tempo di esposizione inoltre, soprattutto alla temperatura massima, perché altrimenti si corre il rischio di bruciare il legno sottostante.

 

L’uso combinato del raschietto

Le bolle che si formano sono indicative che lo strato di vernice si è staccato dalla superficie sottostante, e quando ricoprono quasi tutta l’area esposta al getto d’aria calda è tempo di posare la pistola e prendere un raschietto o una spatola, e iniziare a rimuoverla.

Durante questa operazione è bene seguire sempre la direzione delle venature, in modo da non causare graffi e rovinare la superficie del legno; è possibile usare simultaneamente la pistola e il raschietto, ma sempre facendo attenzione a non avvicinare troppo il getto e a sincronizzare la posizione e i movimenti delle mani, in modo da procedere all’unisono e mai in direzioni convergenti.

Gli angoli e i punti di difficile accesso

Alcuni punti sono difficili da trattare, per esempio le zone di raccordo con la lastra di vetro quando si lavora sugli infissi delle finestre, oppure gli angoli e le rientranze nel caso si stia lavorando su un vecchio mobile.

L’ugello di protezione per il vetro, applicato alla bocchetta di uscita del getto d’aria, è di grande aiuto nel caso degli infissi; ma se sono rimaste da sverniciare le scanalature o gli angoli di un mobile, allora è bene valutare l’uso di un solvente per sverniciare e, dopo averlo lasciato agire per 12-18 ore circa, usare il raschietto o la carta vetro per rimuovere i residui di pittura.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve la pistola termica?

Il termosoffiatore, noto più comunemente come pistola termica o ad aria calda, è un elettroutensile che per molti versi è simile a un asciugacapelli, sia per quanto riguarda la forma sia per il principio di funzionamento. Quello che differenzia una pistola termica da un comune phon, però, è la temperatura massima raggiungibile dal getto d’aria, che in alcuni modelli può superare perfino i 600° Celsius.

Le sue applicazioni sono diverse e variano in base al tipo di pistola termica adoperata e alla sua potenza; l’uso più comune che si fa di questo attrezzo, però, è quello di sverniciatore. Grazie al getto d’aria rovente, infatti, è possibile rimuovere con estrema facilità gli strati di vernice dalle superfici più disparate: muratura, ferro e soprattutto legno; ma le sue applicazioni non si fermano qui.

Regolando la temperatura del flusso d’aria, infatti, è possibile applicare guaine o pellicole termorestringenti, anche a scopo decorativo come si fa sulle carrozzerie delle automobili, ammorbidire le plastiche acriliche oppure saldare PVC e altre materie plastiche, saldare o dissaldare tubi dell’acqua e componenti elettroniche, oppure scongelare tubazioni e serrature.

I modelli più compatti e meno potenti, inoltre, sono usati in ambito artigianale e artistico per applicazioni come goffratura, asciugatura rapida di colle e vernici, modellazione di argilla e plastica, realizzazione di candele e saponi fatti in casa e altro ancora.

A cosa servono gli ugelli della pistola termica?

Gli ugelli che si applicano alla pistola termica permettono appunto di diversificare le applicazioni possibili di questo attrezzo. Alcuni servono a schermare i vetri quando bisogna sverniciare i bordi degli infissi, altri servono a restringere il flusso d’aria in uscita in modo da concentrarlo su un’area di piccole dimensioni.

Le tipologie più diffuse sono gli ugelli di protezione del vetro e quelli riduttori, a cui abbiamo già accennato prima, poi ci sono quelli riflettori, usati per applicare i tubi termorestringenti, piegare quelli di plastica e saldare quelli in rame, l’ugello superficiale è usato prevalentemente per la sverniciatura, l’ugello scanalato si adopera per saldare insieme i teloni in PVC, e l’ugello di saldatura, usato per la plastica e per i tubi di rame.

Gli ugelli non sono universali ovviamente, nel senso che alcune tipologie possono essere adoperate soltanto con pistole termiche professionali che hanno la regolazione elettronica della temperatura.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Einhell TH-HA 2000/1 pistola ad aria calda da 2.000 Watt

 

Con la pistola termica Einhell ci spostiamo di fatto nella fascia dei modelli disponibili a prezzi bassi; la prima cosa che salta all’occhio della TH-HA 2000/1, infatti, è il costo facilmente accessibile. In questo caso, ovviamente, si tratta di strumenti destinati esclusivamente all’uso domestico e amatoriale non intensivo, ma che nel loro piccolo sono tutto sommato efficienti e funzionali.

La Einhell è tra le più richieste in questa precisa fascia di mercato, grazie alla discreta affidabilità del marchio, anzi è anche leggermente più potente rispetto alla EasyHeat 500, visto che può raggiungere i 550° e un flusso d’aria di 500 litri al minuto; inoltre è dotata anche di valigetta e quattro diversi ugelli.

La qualità dei materiali di fabbricazione e l’assemblaggio, però, sono appena mediocri, di conseguenza la durabilità dell’attrezzo è proporzionata all’intensità d’uso; anche gli ugelli sono scadenti e si deformano in fretta sotto l’azione del calore.

 

Pro

Basso costo: Uno dei punti di forza di questa pistola termica sta nel prezzo decisamente basso e facilmente accessibile per tutte le tasche, quindi è ideale per chi ha un budget di spesa limitato.

Ben accessoriata: A parte il manuale delle istruzioni e la valigetta per la custodia e il trasporto, nella dotazione di accessori è incluso anche un piccolo assortimento composto da quattro diversi ugelli.

Potente: Considerando la fascia di appartenenza e la destinazione d’uso prettamente amatoriale, la pistola termica Einhell si distingue anche per un potenza superiore alla media.

 

Contro

Qualità complessiva: Materiali di fabbricazione, assemblaggio e accessori, purtroppo, sono di qualità mediocre, ma visto il prezzo è del tutto comprensibile.

 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS