Gli 8 migliori martelli del 2022

Ultimo aggiornamento: 29.09.22

 

Martelli – Opinioni, analisi e guida all’acquisto

 

Il martello è un attrezzo semplice ma ogni modello ha le sue caratteristiche specifiche; se siete interessati ad acquistarne uno, quindi, dovete innanzitutto sapere a quale uso destinarlo. Nella nostra guida troverete ulteriori informazioni sui diversi modelli in commercio e sui requisiti che distinguono le diverse tipologie di martello; sono anche presenti, inoltre, le recensioni relative a otto diversi martelli che rappresentano le categorie attualmente più richieste sul mercato. Quando si parla di martelli siamo tutti portati a pensare subito a quello classico per uso generico, invece vi stupirà constatare che al primo posto si colloca un martello cinetico, il Frankford Arsenal Quick-N-EZ Bullet Puller, una particolare tipologia usata da cacciatori e tiratori per il disinnesco in sicurezza delle munizione attive, mentre al secondo posto troviamo lo Stanley Fatmax 1-51-937, il classico martello da carpentiere destinato a uso professionale.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori martelli – Classifica 2022

 

A seguire troverete gli otto martelli più richiesti del 2022 tra tutti i modelli e le tipologie attualmente in commercio; come potrete vedere, i modelli si differenziano tra loro sia per la destinazione d’uso sia per la categoria di appartenenza.

 

 

Martello cinetico

 

1.  Frankford Arsenal Quick-N-EZ Bullet Puller martello cinetico per disinnesco munizioni

 

Al primo posto tra i migliori martelli del 2022, con nostra grande sorpresa, si colloca il Quick-N-EZ prodotto dalla ditta statunitense Frankford Arsenal. Si tratta infatti di un martello cinetico, ovvero una particolare tipologia di attrezzo che di solito è utilizzata per la rimozione sicura dei proiettili dai bossoli carichi; e nella fattispecie è uno dei modelli più venduti nella sua categoria di appartenenza.

Nonostante sia realizzato con parti in plastica che lo rendono apparentemente “fragile”, coloro che hanno avuto modo di usarlo hanno fornito pareri di tutt’altro genere: secondo gli acquirenti, infatti, il Quick-N-EZ è molto solido e quella che a una prima occhiata sembra semplice plastica, in realtà è policarbonato caratterizzato da una notevole elasticità e resistenza ai colpi.

Il martello è corredato da tre diversi adattatori che permettono di rimuovere proiettili di qualsiasi calibro dal 22 Hornet fino al 45-70, sia quelli cerchiati sia privi di montatura.

 

Pro

Di classe professionale: Il martello Quick-N-EZ è semplice nella linea ma è un attrezzo di classe professionale realizzato da un marchio storico nel settore di produzione delle munizioni per armi da fuoco e relativi accessori.

Versatile: La dotazione di accessori include tre adattatori che permettono di utilizzare il martello con una vasta gamma di calibri, a partire dal 22 fino al 45-70, di qualsiasi tipo siano.

Affidabile: Dato il “blasone” di fabbrica, il martello Frankford Arsenal è un attrezzo robusto e gli acquirenti lo hanno particolarmente apprezzato per la sua affidabilità.

 

Contro

Apparentemente fragile: In realtà questo martello non ha difetti, ma è bene sottolineare che all’apparenza sembra fragile e questo potrebbe trarre in inganno i meno esperti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Martello da carpentiere

 

2. Stanley Fatmax AntiVibe 1-51-937 martello da carpentiere da 600 grammi

 

Tra i diversi modelli venduti online, l’AntiVibe 1-51-937, a dispetto del prezzo abbastanza alto rispetto alla media, è uno dei più richiesti. Si tratta infatti di un martello da carpentiere di alta qualità, prodotto dal noto marchio Stanley per la sua linea di prodotti professionali FatMax; è realizzato interamente in acciaio forgiato in un solo pezzo, in modo da offrire il massimo della resistenza e durabilità. 

La testa è composta da una parte battente, completa di scanalatura e magnete ferma-chiodi, e da una parte a punta; il lato con il battente è sottoposto a un ulteriore procedimento di tempra, in modo da incrementare la solidità, e l’impugnatura è ricoperta da uno strato in poliuretano morbido con sagomatura ergonomica.

I suoi punti di forza sono l’alta qualità dei materiali e l’elevato comfort d’uso, garantito sia dall’impugnatura ergonomica sia dal sistema anti-vibrazioni; il costo, però, è accessibile solo ai più esigenti.

 

Pro

Professionale: Il martello Stanley è destinato soprattutto ai carpentieri e ai professionisti in generale; è solido, robusto e realizzato con cura fin nei minimi dettagli, con l’impiego di materiali di alta qualità.

Sistema anti-vibrazioni: Dal momento che è progettato per l’uso intensivo, il martello Stanley possiede una comoda impugnatura ergonomica in poliuretano morbido e un sistema anti-vibrazioni che riduce lo scarico di forza sul polso.

Testa temprata: Il battente del martello è sottoposto a uno speciale trattamento termico per incrementare la solidità e la resistenza, inoltre è completo di scanalatura e magnete per i chiodi.

 

Contro

Costo: Il rapporto qualità-prezzo è in ogni caso eccellente, ciò non toglie che il martello Stanley abbia un costo elevato rispetto alla media, e quindi è destinato solo ai più esigenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Martello di gomma

 

3: Silverline martello in gomma nera disponibile in tre diverse taglie

 

A coloro che si chiedono dove acquistare un martello di gomma nuovo, a basso costo, funzionale e ben fatto, suggeriamo di dare un’occhiata alla serie dei mazzuoli in gomma prodotti dalla ditta inglese Silverline.

Le taglie disponibili per questo martello sono tre: 454, 680 e 907 grammi, a seconda delle esigenze del caso, e sono sul mercato al prezzo più economico possibile per un prodotto di questo livello qualitativo. La ditta Silverline, infatti, è particolarmente apprezzata proprio grazie alla qualità dei materiali che impiega per i suoi prodotti.

L’unica pecca di questi mazzuoli in gomma è di essere poco curati per quanto riguarda le finiture, però la testa è fatta in solida gomma mentre il manico è in legno duro verniciato, con un tenore di umidità tra il 14 e 16%; per quanto riguarda le loro applicazioni d’uso, invece, sono adatti sia per sagomare le lamiere sia per la falegnameria.

 

Pro

Economici: Qualsiasi sia la taglia scelta, il prezzo dei martelli di gomma Silverline è tra i più economici che possiate trovare; questo li rende facilmente accessibili sia per i professionisti sia per gli appassionati di fai da te.

Qualità superiore alla media: Nella fascia degli utensili disponibili a prezzi bassi, difficilmente riuscirete a trovare dei prodotti caratterizzati da una qualità superiore a quelli della ditta Silverline.

Versatili: A parte l’uso comune in falegnameria, per l’assemblaggio dei legni a incastro, i martelli di gomma Silverline sono adatti anche per la sagomatura e la rettifica di lamiere metalliche.

 

Contro

Finiture: L’unica pecca sono le finiture, alquanto grossolane, e dato il prezzo è comprensibile; ma questo non influisce minimamente sulla loro funzionalità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Martello da geologo

 

4. Estwing E6-24PC Rock Pick Square Head martello a punta con manico in pelle

 

Non fatevi ingannare dal prezzo elevato, perché lo E6-24PC non è affatto un attrezzo comune; si tratta infatti di un martello da geologo prodotto dalla ditta americana Estwing, e nella fattispecie di un modello con testa doppia: a punta e battente quadrato.

È interamente realizzato a partire da un singolo pezzo di solido acciaio, successivamente verniciato in blu per garantire una protezione addizionale contro l’usura e la corrosione; è dotato anche della speciale impugnatura brevettata Shock Reduction Grip, in grado di ridurre notevolmente lo scarico di forza sul polso. La testa ha un peso di poco più di 620 grammi.

In comparazione con gli altri modelli esaminati nella nostra guida, il martello Estwing è destinato a un utilizzo di tipo specialistico; in quanto tale il suo unico difetto è quello di possedere un prezzo che, per quanto proporzionato alla qualità, è comunque alto e soggetto a variazioni più o meno consistenti.

 

Pro

Specialistico: Il modello da roccia Estwing è il più richiesto dai geologi professionisti e dagli appassionati di mineralogia; secondo i quali è il miglior martello in commercio in questa categoria specifica di utilizzo.

Impugnatura brevettata: Il manico è rivestito da una speciale impugnatura brevettata realizzata in pelle, che è in grado di attenuare notevolmente l’urto dei colpi e ridurre la forza scaricata sul polso.

Alta qualità: Realizzato in solido acciaio e a partire da un singolo pezzo, quindi è estremamente robusto, e grazie al rivestimento in vernice lucida è anche resistente all’usura e alla corrosione.

 

Contro

Prezzo: Trattandosi di un martello specifico per geologi professionisti, è caratterizzato da un prezzo abbastanza alto e per di più soggetto a variazioni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Martello da fabbro

 

5. Bosch Professional martello professionale con testa da 500 grammi

 

La caratteristiche offerte dal martello Bosch sono a dir poco eccellenti, non a caso è prodotto per il comparto Professional, e quindi destinato a soddisfare le esigenze dei professionisti a prescindere dalle applicazioni d’uso.

La sua applicazione ideale, però, rimane quella di martello da fabbro; essendo realizzato per fusione a partire da un singolo pezzo di acciaio, infatti, offre il giusto grado di solidità e resistenza per battere il metallo. La testa è ben bilanciata e ha un peso di 500 grammi; il manico, invece, nella parte dell’impugnatura è ricoperto dallo speciale rivestimento Bosch Soft-Grip, il quale aiuta a ridurre le vibrazioni e consente di lavorare a lungo mantenendo un ottimo controllo dell’attrezzo e riducendo notevolmente lo sforzo per l’operatore.

A parte le ottime caratteristiche strutturali, inoltre, il martello Bosch Professional si distingue anche grazie al suo costo estremamente vantaggioso, soprattutto in relazione alla qualità del prodotto.

 

Pro

Costo vantaggioso: Il rapporto qualità-prezzo del martello Bosch è a livelli di eccellenza, e se si colloca al quinto posto nella nostra classifica è solo a causa della sua specificità d’uso.

Ideale per i fabbri: Le sue caratteristiche, infatti, lo rendono ideale soprattutto come martello per la lavorazione del ferro, ed è questa la ragione per cui è richiesto principalmente dai fabbri.

Comfort d’uso: La testa ben bilanciata e lo speciale rivestimento Soft Grip che ricopre l’impugnatura, permettono di usarlo in maniera intensiva e prolungata con il minimo sforzo da parte dell’operatore.

 

Contro

Specifico: Anche in questo caso ci troviamo davanti a un martello con destinazione d’uso estremamente specifica, quindi è destinato solo ai fabbri professionisti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Martello da muratore

 

6. S&R Mazzetta da muratore con testa da 1.500 grammi in acciaio C50

 

L’articolo 286 150 086, prodotto dalla ditta ucraina S&R, è il classico martello da muratore per uso professionale, adatto sia per demolire sia per modellare pietre e opere in muratura. Il martello è costituito da due parti assemblate insieme: testa e manico. 

La testa è forgiata in acciaio non legato al carbonio di categoria C50, ed è realizzata secondo le norme DIN 1041, quindi di ottima qualità ed estremamente solida; il peso della testa è di 1.500 grammi, sui lati è verniciata a polvere in colore nero mentre le facce battenti sono pulite e sabbiate. 

Il manico, invece, è realizzato in fibra di vetro, sagomato a doppia curva e munito di un rivestimento aggiuntivo nella parte inferiore dello stelo, che oltre a offrire una protezione contro le vibrazioni assicura anche una presa sicura e più confortevole dell’attrezzo. Le sue eccellenti caratteristiche strutturali lo rendono adatto soprattutto per i muratori professionisti.

 

Pro

Economico: Anche in questo caso ci troviamo davanti a un prodotto professionale caratterizzato da un eccellente rapporto qualità-prezzo, e da un costo decisamente vantaggioso.

DIN 1041: La testa del martello è rigorosamente conforme agli standard di sicurezza DIN 1041, quindi è un attrezzo che risponde in tutto e per tutto alle norme vigenti in materia di sicurezza d’uso.

Ottima qualità: A dispetto del costo contenuto, il martello da muratore S&R si distingue per l’ottima qualità dei materiali impiegati per la sua realizzazione; sia la testa, forgiata in acciaio C50, sia il manico, realizzato in fibra di vetro e PVC.

 

Contro

Nessuna pecca: Costa poco, è solido ed estremamente maneggevole, ma ovviamente è destinato solo ai muratori di professione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Martello di legno

 

7. Silverline 273206 mazzuolo in legno da 310mm con testa da 115mm

 

Il settimo posto della nostra lista è occupato da un tipico martello da falegname che, come il mazzuolo in gomma esaminato in precedenza, è prodotto dalla ditta inglese Silverline; la sua qualità, quindi, è nettamente superiore rispetto al prezzo, che invece è decisamente economico.

Il Silverline 273206 è un martello di legno, cioè sia il manico sia la testa sono realizzati in legno duro massello, con un tenore di umidità attestato tra 8 e 12%, con finitura lucida; trattandosi di un prodotto economico, ovviamente, non è particolarmente adatto per l’uso professionale intensivo, ma per uso hobbistico e artigianale è decisamente ottimo ed è un’eccellente alternativa ai martelli in legno autocostruiti, soprattutto considerando il prezzo e le dimensioni.

È leggero e molto maneggevole, particolarmente adatto per la falegnameria, per il bricolage e per gli hobby artistici; questo martello, infatti, è ottimo quando viene usato con gli scalpelli per scolpire il legno.

 

Pro

Ben fatto: Nonostante sia un prodotto a basso costo, il martello di legno Silverline è ben realizzato, con una finitura liscia e priva di schegge o irregolarità sulle facce; l’impugnatura sagomata, inoltre, lo rende molto maneggevole.

Economico: Il prezzo è decisamente accessibile anche per gli hobbisti principianti, è infatti tra i diversi modelli disponibili attualmente in commercio, il Silverline è uno dei più richiesti.

Versatile: Può essere usato per assemblare pezzi in legno a incastro oppure per battere e modellare lamiere senza rovinare la superficie, ma è apprezzato soprattutto da chi si diletta a realizzare sculture in legno.

 

Contro

Non professionale: Essendo un prodotto economico non è consigliato per l’uso professionale intensivo, va bene solo per hobbisti e principianti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Martello piccolo

 

8. Tacklife HMH2A mini martello per bricolage con testa magnetica antiscivolo

 

La nostra lista si chiude con un martello piccolo, adatto soprattutto all’uso domestico generico e per il bricolage; il Tacklife HMH2A, infatti, è caratterizzato da dimensioni mini: misura appena 17,5 centimetri e può essere tranquillamente portato in una tasca dei pantaloni.

È dotato di un’impugnatura ergonomica e antiscivolo che ne facilita notevolmente l’uso, e di una testa a doppia estremità: battente e artiglio, quindi può essere usato per martellare e per rimuovere chiodi; l’estremità battente, inoltre, è dotata anche di scanalatura e magnete ferma-chiodi.

Anche se possiede un prezzo relativamente economico ed è fatto a immagine e somiglianza di un martello da carpentiere, però, il mini martello Tacklife è caratterizzato da alcune pecche: il magnete è poco funzionale perché può essere usato solo con chiodi lunghi, inadatti all’uso domestico, l’artiglio invece è troppo corto, quindi esercita una leva insufficiente, e il bilanciamento non è perfetto a causa delle dimensioni ridotte.

 

Pro

Comodo e maneggevole: Le dimensioni ridotte, anche se da un lato ne limitano le potenzialità d’uso, lo rendono estremamente pratico e maneggevole, ideale per le piccole esigenze domestiche.

Prezzo contenuto: Il mini martello Tacklife è disponibile a un prezzo relativamente economico, facilmente accessibile per tutte le tasche.

Versatile: Può essere usato sia per martellare i chiodi sia per rimuoverli, anche se bisogna comunque fare i conti con le limitazioni dovute alle dimensioni ridotte dell’artiglio.

 

Contro

Prestazioni: Non è assolutamente adatto per applicazioni che siano diverse da quelle domestiche, e anche in quel caso la sua funzionalità è limitata dalle sue dimensioni ridotte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere i migliori martelli

 

Un martello per circostanza

Per decidere quale mogni artello comprare bisogna innanzitutto sapere per cosa lo si intende utilizzare; a dispetto della sua semplice essenza, infatti, questo utensile manuale esiste in diverse fogge e dimensioni, nonché materiali, a seconda dell’uso al quale deve essere destinato. Per capire come scegliere un buon martello, quindi, non bisogna guardare al prezzo, ma alle esigenze di colui che dovrà utilizzarlo.

Se avete bisogno di un attrezzo semplice da destinare a uso generico per esempio, sia in ambito domestico sia hobbistico, allora potrete tranquillamente orientarvi verso un modello appartenente alla fascia più economica. Se invece avete esigenze di tipo specifico, allora è meglio non badare a spese e acquistare un martello dalle caratteristiche adeguate che non vi esponga al rischio di farvi male.

 

I martelli specialistici

Il martello può avere caratteristiche diverse a seconda dell’uso a cui è destinato; anche se in linea di massima siamo abituati a pensare subito al classico martello da carpentiere, infatti, in commercio esistono numerose tipologie che sono progettate anche per categorie di utenti che non rientrano nell’ambito dell’edilizia e delle costruzioni.

Alcune tra le più svariate professioni, infatti, richiedono l’uso del martello, basti pensare alla medicina, dove il martello è usato in chirurgia ortopedica per esempio, o in versione gommata per stabilire i riflessi degli arti. Un altro classico esempio è la geologia, dove viene impiegato per asportare in modo mirato i campioni di roccia.

Una particolare tipologia di martello, quello cinetico o da inerzia, viene usato da cacciatori, tiratori e da artificieri per disinnescare le munizioni attive; nell’ambito dei mestieri artigiani, invece, esiste una lunga sfilza di martelli per l’uso specifico in falegnameria, carpenteria, vetreria e via dicendo.

Le variazioni tra un martello e l’altro possono interessare il materiale di cui sono fatti, come nel caso dei martelli di legno e di gomma, oppure le dimensioni e il peso, come nei martelli da demolizione usati in edilizia; in altri casi ancora sono relative alla foggia della testa, come nel caso dei martelli da roccia e dei martelli cinetici.

Quale che sia l’esigenza specifica, quando si tratta di acquistare un martello destinato a uso specialistico è consigliabile spendere il dovuto per un modello affidabile, visto che un prodotto di bassa qualità potrebbe causare potenziali danni all’utilizzatore.

I martelli per uso generico

Se invece avete bisogno soltanto di un martello per uso generico, da usare per le piccole riparazioni domestiche o per appendere un quadro alla parete, allora potete optare tranquillamente per un prodotto economico; anche in questo caso, però, è bene usare il buon senso e scegliere comunque un modello fatto con buoni materiali, ben bilanciato e dal peso non eccessivo.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve il martello di gomma?

I martelli con la testa di gomma sono stati creati apposta per battere superfici cedevoli, che potrebbero facilmente rovinarsi se percosse con un martello dalla testa in ferro o acciaio. Questa particolare tipologia trova applicazione in svariati ambiti, ma è usata soprattutto in falegnameria e carpenteria, per facilitare l’assemblaggio o lo smontaggio di pezzi di legno.  

Per questa ragione ci sono prodotti in diverse misure e dimensioni, in modo da adattarsi in maniera specifica al tipo di pezzo che bisogna “martellare”. Questo può essere un ampio tavolato, per esempio, oppure un travetto sottile da bloccare in posizione mediante un giunto a incastro. I martelli di gomma sono usati anche per lavorare le lamiere, in modo da rimuovere eventuali “bozzi”, oppure per modellare senza correre il rischio di lasciare segni o rigature sul metallo.

 

A cosa serve il martello di legno?

Il martello di legno, invece, ha lo stesso scopo del martello di gomma, con la differenza che è usato esclusivamente per la falegnameria e per la scultura. In falegnameria ha gli stessi scopi che abbiamo descritto anche nella precedente risposta, quindi è usato per battere con forza dosata sui pezzi di legno senza correre il rischio di rovinare le loro superfici, e sono fondamentali per l’assemblaggio dei pezzi a incastro.

In Giappone, per esempio, dove esiste una lunga e ricca tradizione di falegnameria a incastro, vengono prodotti una grande varietà di martelli di legno, di tutte le dimensioni e fogge possibili.

Un altro uso specifico è quello della scultura e dell’intarsio sullo stesso materiale. Anche il legno dall’essenza più dura, infatti, se viene scalpellato con un normale martello in ferro, tende a scheggiarsi con estrema facilità, quando non addirittura a spaccarsi del tutto. Ciò è dovuto alla superiore intensità dell’energia cinetica trasmessa dalla testa di metallo, che ha una densità e un peso nettamente superiori.

I martelli con testa in legno, invece, permettono di battere sullo scalpello senza problemi, trasmettendo una forza la cui intensità è adeguata a modellare o affondare dolcemente nel legno senza rovinarlo.

 

 

 

Come usare un martello

 

Come usare il martello cinetico

Il martello cinetico, o martello da inerzia, viene usato esclusivamente per disinnescare le munizioni attive, ovvero per separare il proiettile dal fondello in maniera sicura e senza correre rischi.

Il suo utilizzo è estremamente semplice: la testa del martello cinetico è composta da una parte terminale che può essere facilmente rimossa svitandola, al suo interno si trova un anello metallico diviso in tre sezioni, che permettono di adattarsi al colletto del fondello in base al suo calibro. All’interno dell’anello è presente un rilievo che va quindi a incastrarsi nel colletto, mantenendo così il colpo in posizione salda e stabile.

Una volta infilato il colpo nel martello, bloccandolo nell’anello di tenuta, è possibile avvitare nuovamente la parte terminale in modo da mantenerlo saldamente in posizione. Non è necessario stringere troppo la parte terminale, ovviamente, basta semplicemente arrivare a fine corsa e assicurarsi che sia ben chiusa.

A questo punto, con la punta del martello, bisogna dare un colpo deciso su una superficie molto dura. Questo particolare è importante perché è proprio la forza cinetica del colpo vibrato, che trasmessa alla parte terminale permette al proiettile di staccarsi dal fondello.

Sia il proiettile sia i residui di polvere, quindi, vengono trattenuti all’interno del martello; il primo può essere recuperato mentre la polvere va immediatamente smaltita, vista l’impossibilità di ricordare la tipologia specifica utilizzata.

 

Come aprire una noce di cocco senza martello

A questo punto dobbiamo confessare che la domanda ci ha messo in seria difficoltà. Se da un lato non ci aveva mai sfiorato l’idea di trovarci in condizioni di dover aprire una noce di cocco senza martello, infatti, dall’altro siamo rimasti ancor più perplessi di fronte alla possibilità di essere sprovvisti di tale attrezzo; nelle nostre case, di solito, possono mancare le cose più disparate, ma un martello lo si trova sempre.

I componenti della nostra redazione, quindi, hanno deciso di dividersi il compito di trovare una risposta a questo interrogativo in maniera equa e solidale: chi ha estratto lo stecchino più corto è stato incaricato di dedicarsi alla ricerca, meticolosa e approfondita, di precedenti storici in materia di aperture di cocco.

Consultando tutti i testi possibili, a partire dai rotoli del Mar Morto fino all’Enciclopedia Britannica comprensiva di tutte le edizioni dal 1768 a oggi, è chiaramente emerso che in realtà esistono due metodologie ben precise per aprire una noce di cocco senza martello.

La prima prevede di utilizzare un sostituto dello stesso da schiantare sul guscio della noce. A questo scopo è consigliabile usare una solida roccia, dalla composizione dura e tenace, preferibilmente il piperno che è di origine magmatica.

Il secondo metodo è quello di avvolgere la noce di cocco in una normale busta della spesa, annodando le estremità della stessa in modo che il contenuto non possa fuoriuscire, dopodiché lasciarla cadere dal quarto piano di un edificio; il secondo metodo, però, anche se di concetto è più semplice, nella realtà è più difficile da mettere in pratica.

Non tutti abitano al quarto piano di un edificio, infatti, inoltre il “lancio” deve essere rigorosamente effettuato entro un orario compreso tra le tre e le quattro del mattino, per evitare il rischio che, al posto della noce di cocco, possiate invece aprire la testa di un ignaro passante.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS