I 3 migliori produttori di utensili per bricolage

Ultimo aggiornamento: 30.11.22

 

Sono in molti a chiedersi quali siano i migliori brand di utensili. Scopriamo insieme quali sono le tre aziende italiane leader in questo settore.

 

Gli utensili per bricolage sono largamente usati sia in ambito professionale sia da hobbisti e semplici appassionati di fai da te; inoltre sono estremamente diffusi in quanto utilizzati anche in casa, per i piccoli interventi di manutenzione domestica. I prodotti disponibili sul mercato, di conseguenza, sono innumerevoli e sono diversificati sia per quanto riguarda la qualità costruttiva sia per il marchio di fabbricazione.

Anche se le grandi aziende del settore sono presenti in tutto il mondo con i loro prodotti, ogni nazione tende ad avere i suoi brand di riferimento specifici, quindi vediamo insieme quali sono i marchi più famosi in Italia.

 

USAG

Se provate a chiedere agli addetti del settore qual è la ditta che produce il miglior set di utensili, la risposta, quasi unanime, sarà USAG. L’acronimo sta per Utensileria Società Anonima Gemonio, fondata nel 1926 a Gemonio appunto, in provincia di Varese. 

L’azienda, fin dalle sue origini, si è subito imposta nel settore dell’utensileria professionale grazie all’altissima qualità dei suoi prodotti; a partire dal 1991 entra a far parte di un altro noto marchio di utensili di alta qualità, il gruppo francese FACOM Tools, successivamente viene acquisita dal gruppo americano Stanley Works e infine, a partire dal 2010, del gruppo multinazionale Stanley Black&Decker.

Gli utensili sono i preferiti dai professionisti, sono caratterizzati da un costo maggiore rispetto a quelli prodotti dalle altre ditte, ma sono di gran lunga più resistenti e duraturi; col passare degli anni, inoltre, USAG ha ampliato ulteriormente la gamma della sua produzione, e oltre agli utensili manuali ha inserito in catalogo anche elettroutensili, attrezzature specifiche per le officine, contenitori, kit per autoriparazioni, attrezzature per dinamometria, strumenti di rilevazione e una linea specifica di abbigliamento e calzature da lavoro.

Nonostante il “passaggio di proprietà” ad altri importanti gruppi del settore, USAG continua a rimanere un punto di riferimento nel settore italiano dell’utensileria, e la qualità dei suoi prodotti non ha subito flessioni.

 

Beta Utensili

Beta Utensili è un’altra storica azienda italiana, la cui fondazione è addirittura anteriore a quella della USAG visto che risale al 1923; la sede principale si trova a Sovico, in provincia di Monza e Brianza, ma l’azienda conta altre otto filiali sparse per il mondo: in Inghilterra, Olanda, Francia, Spagna, Polonia, Ungheria, Brasile e Cina.

In origine la ditta si chiamava “Alessandro Ciceri & Figli”, dal nome del suo fondatore, e si occupava principalmente della produzione di stampi in ferro e acciaio; fu soltanto nel 1939 che la ditta acquisì la nuova denominazione Beta Utensili, in seguito alla registrazione di uno specifico brevetto per il comparto degli utensili professionali.

Come il marchio USAG, anche Beta gode di una fama che ha oltrepassato le frontiere nazionali e si è diffusa in tutto il mondo; nonostante sia citata come “seconda” alla USAG, infatti, in realtà dal punto di vista qualitativo i suoi prodotti non hanno nulla da invidiare all’azienda di Gemonio, e nella realtà dei fatti si collocano sullo stesso livello.

A partire dagli anni ’90 Beta ha investito fortemente in nuove tecnologie, potenziando le linee di produzione con impianti automatizzati, e nello sviluppo dei mercati esteri, come dimostrano le otto filiali sparse a livello mondiale. A differenza di USAG, quindi, Beta non ha mai subito acquisizioni da parte di altri gruppi, al contrario ha assorbito invece altre società, come BM SpA, che produce attrezzature per elettricisti, Abra Beta SpA, leader nel settore produttivo di dischi da taglio e mole, 3D Beta Srl, che produce arredi su misura per ambienti di lavoro, e VGF Srl, che si occupa di verniciatura a polvere.

Il colore caratteristico che distingue gli utensili Beta è l’arancione (a differenza degli utensili USAG che sono di colore rosso e nero).

Pastorino

Al terzo posto tra i marchi di utensileria più apprezzati in Italia, si colloca la ditta Pastorino, oggi nota come Pastorino Expert. La storia dell’azienda è in parte analoga a quella di USAG; come quest’ultima, infatti, è stata fondata a Gemonio, in provincia di Varese. L’anno di fondazione, però, risale all’immediato dopoguerra, nel 1945, a opera di Pietro Pastorino, il quale diede vita a una fabbrica di utensili a mano per arti e mestieri.

In origine, la ditta Pastorino era altamente specializzata e produceva esclusivamente utensili chirurgici, nello specifico ferri e pinze; col passare degli anni, però, la sua gamma di produzione si è ampliata sempre di più fino ad aggiungere utensili manuali per riparazioni meccaniche. Il brand Pastorino, infatti, è attualmente considerato uno dei tre leader nella divisione IAR, ovvero Industrial & Automotive Repair, insieme a USAG e FACOM.

Come la ditta USAG, però, anche la ditta Pastorino ha subito diverse acquisizioni nel corso della sua storia, passando prima al gruppo francese FACOM per poi divenire parte integrante della multinazionale Stanley Black&Decker a partire dal 2010, con la nuova denominazione di Pastorino Expert.

Gli utensili Pastorino sono realizzati in lega di acciaio al cromo-vanadio, sono quindi caratterizzati da alta qualità, elevata resistenza e durata nel tempo; come nel caso degli utensili USAG e Beta, inoltre, anche gli utensili Pastorino si distinguono per un costo superiore alla media, ma sono tra i migliori sul mercato e sono apprezzati in particolar modo dalla fascia di utenza professionale e dagli hobbisti più esigenti.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

1 COMENTARIOS

Pippo Franco

February 2, 2022 at 9:22 am

Davvero interessante!

Répondre