I 6 migliori pirografi del 2022

Ultimo aggiornamento: 30.11.22

 

Pirografi – Opinioni, Analisi e Guida all’acquisto

 

Creare disegni originali su materiali come il legno o il cuoio è possibile grazie all’uso di un pirografo, uno strumento che permette di dare vita a incisioni di particolare bellezza. Come scegliere quello migliore in commercio? Ci sono diversi aspetti da considerare, come la potenza e anche le punte in dotazione. Date un’occhiata alle nostre valutazioni in merito, come la guida in basso e la classifica dei prodotti che abbiamo preferito. Il top per noi è Hobbyland Pirografo ST171 30W, un articolo professionale, dedicato a chi vuole eseguire lavori perfetti. Grazie alle luci LED sarà possibile verificarne il funzionamento regolare. Ci ha convinto anche Umitive 37Pcs Kit Pirografia Legno 60W Temperatura Regolabile, un set che include ben 37 pezzi, dedicato a chi vuole risparmiare, senza fare fatica a montare e smontare tutte le punte disponibili.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

I 6 Migliori Pirografi – Classifica 2022

 

Siete in cerca di ispirazione per le vostre creazioni? Allora prima di prendere in mano il vostro pirografo, date un’occhiata alla raccolta di loghi, clipart e disegni che trovate su it.depositphotos.com. Fatto questo siete pronti per mettervi al lavoro! Ma se avete la necessità anche di fare un acquisto, ecco un’analisi dei migliori pirografi del 2022 tra quelli venduti online. Consultate le loro caratteristiche per verificare se, tra loro, è presente il modello che fa per voi.

 

 

Pirografo professionale

 

1. Hobbyland Pirografo ST171 30W

 

Se non avete idea di quale pirografo comprare per ottenere risultati professionali, quello di Hobbyland offre una soluzione niente male. Si tratta di un modello con temperatura regolabile dai 450 ai 750°C, ideale soprattutto per la lavorazione del legno, come testimoniano le opinioni di molti utenti che l’hanno scelto.

Ha una potenza di 30W e dispone di LED che ne indicano il funzionamento, così da tutelarvi nel caso in cui non ricordiate se è acceso o spento. Nella confezione sono incluse tre punte, che si riscaldano in maniera adeguata e permettono di fare lavori di precisione.

Se avete bisogno di punte diverse, tuttavia, dovrete acquistarle a parte, una spesa in più che non giova al prezzo di vendita del prodotto, naturalmente alto viste le sue prestazioni. C’è chi fa notare, inoltre, che se le punte non sono costituite dalla lega di rame e ottone, tipica di questi articoli, si scaldano con molta difficoltà.

 

Pro

Professionale: Grazie alla qualità di questo prodotto, è possibile eseguire lavori di precisione.

Potenza: Un valore regolabile e tale da permettere alle punte di scaldarsi immediatamente, rendendo facile lavorare.

LED: Il display dispone di luci che aiutano a capire quando il dispositivo è acceso, così da evitare brutti incidenti.

 

Contro

Punte: Quelle incluse nella confezione sono solo tre, per cui dovrete acquistarne altre a parte, se queste non vi sono sufficienti.

Costo: Trattandosi di un articolo per lavori di un certo livello, il suo prezzo non è certo incluso tra i più bassi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pirografo per legno

 

2. Umitive 37Pcs Kit Pirografia Legno 60W Temperatura Regolabile

 

Rientra tra i prodotti a prezzi bassi questo kit proposto da Umitive, composto da un pirografo per legno o pelle e da un set di ben 37 pezzi, tra i quali punte e stampini. La potenza è di 60W e la temperatura è regolabile, tra i 200 e i 450°C, per eseguire diversi tipi di lavori, tra i quali anche le decorazioni.

Il prodotto è semplice da usare: basta montare la punta adatta e ruotare la rotellina, posta sul corpo, per impostare i gradi. Per questa ragione è tanto da consigliare ai novizi quanto a chi è già navigato nel campo.

Le punte in dotazione si riscaldano con molta velocità e sono dotate di un rivestimento che ne impedisce l’ossidazione. Tuttavia non pochi utenti sostengono si tratti di elementi fragili, in quanto, dopo un certo numero di utilizzi, si spezzano diventando inutilizzabili.

Il prezzo di vendita è però conveniente, in comparazione ad altri modelli presenti sul web, per cui non è un’opzione da escludere a priori se si vuole avere un pirografo a disposizione.

 

Pro

Kit: Il vantaggio di questo prodotto è quello di includere non solo un pirografo, ma anche ben 37 diversi accessori, incluse punte e stampini.

Costo: Il prezzo di vendita piace a chi ha intenzione di risparmiare, per cui si tratta di una delle offerte presenti online da cogliere al volo.

Montaggio: Assemblare e rimuovere le punte è molto semplice, tanto che questo pirografo va bene anche per i principianti.

 

Contro

Punte: Nonostante ce ne siano tante in dotazione, appaiono molto fragili, tanto che, dopo un certo numero di utilizzi, si rompono diventando inutilizzabili.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pirografo Brenn Peter Junior

 

3. Hobbyring Brenn Peter Junior Electronic 30 Con

 

Un prodotto che ha ben poco da invidiare agli altri in commercio: il pirografo Brenn Peter Junior rientra in una fascia di prezzo medio alta, ma non fa rimpiangere per nulla il suo acquisto a chi si aspetta prestazioni di gran livello.

Viene molto apprezzata la velocità con la quale la punta si riscalda, che può raggiungere tra i 380 e i 750°C, ma soprattutto il sistema di sicurezza, che scatta quando il prodotto resta accesa per parecchio, in modo da evitare il surriscaldamento.

Quando si è raggiunta una temperatura adeguata, il pirografo si accende poi automaticamente. Non manca un bel set di accessori, dalle quattro punte, allo spazzolino per la pulizia e fino alle istruzioni con tanto di suggerimenti su come utilizzare il prodotto.

Tuttavia, anche se l’impugnatura è ergonomica e ben isolata, c’è chi nota un certo calore provenire dalla punta, tanto da non riuscire a tenere in mano il prodotto quando la temperatura è al massimo.

 

Pro

Veloce: Questo pirografo si riscalda molto velocemente, per cui è possibile iniziare sin da subito a lavorare il legno o la pelle.

Sistema di sicurezza: Il pirografo si spegne quando la temperatura raggiunta è troppo alta, in modo da evitare un surriscaldamento, e si riaccende in automatico una volta che la punta si è raffreddata.

Completo: Include non solo quattro punte, ma anche uno spazzolino per la pulizia e le istruzioni, con suggerimenti su come usare il prodotto.

 

Contro

Manico: L’impugnatura, a volte, subisce l’eccessivo calore della punta e diventa difficile da tenere in mano.

Costo: Le prestazioni sono molto valide, ma il prezzo non è tra i più economici sul mercato, per cui non è alla portata di tutti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pirografo Dremel

 

4. Dremel Versatip 2000 Mini Saldatore a Butano

 

La proposta di Dremel copre una serie di esigenze che vanno oltre la semplice pirografia: si tratta infatti di un mini saldatore, utile anche per il taglio a caldo, grazie agli accessori inclusi all’interno della confezione di vendita.

Per questa ragione si tratta di un oggetto molto conveniente, visto il costo che è valido in rapporto alle sue caratteristiche. Basterà montare ogni volta la punta della quale si ha bisogno, da quella per la saldatura, al coltello per tagliare, fino agli accessori per pirografare.

Facile di usare, si riscalda in poco tempo, e conta sul butano e su un’accensione piezoelettrica per avviarsi. Proprio questa, però, pare essere difettosa e il calore si propaga in maniera eccessiva, tanto che si rischia di bruciare il legno o il tessuto che si lavora.

Nonostante questi difetti, il prodotto piace e risulta tra i più venduti del web.

 

Pro

Versatile: Il grande vantaggio di questo oggetto creato da Dremel è quello di poter essere utilizzato per diversi tipi di lavoro, dalla saldatura alla pirografia.

Rapporto qualità/prezzo: Il costo del prodotto è in linea con le sue caratteristiche e con la quantità di accessori inclusi., che lo rendono un articolo multiuso.

Veloce: La punta si riscalda in breve tempo, per cui non dovrete aspettare per dare vita ai vostri nuovi lavori.

 

Contro

Accensione: Molto spesso è difettosa, per cui non si riesce ad avviare bene il prodotto.

Calore: Quello prodotto risulta essere eccessivo in molti casi, tanto da rischiare di bruciare il materiale sul quale si sta operando.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pirografo per cuoio

 

5. Pebaro Set per pirografia su legno, cuoio e sughero

 

Se non avete idee su come scegliere un buon pirografo per principianti, quello di Pebaro può risolvere ogni incertezza. Si tratta infatti di un set che include diversi elementi, utili a prendere confidenza con questo metodo di lavorazione.

Oltre alle sei punte, troverete un bel cavalletto, sul quale poggiare il pirografo, per una garanzia maggiore di sicurezza. Potrete esercitarvi direttamente su appositi supporti, visto che sono presenti delle piastre in legno di pioppo e anche tre stampini, per dare vita alle vostre idee.

La potenza è di 30W, quindi sufficiente a realizzare disegni e incisioni: potranno usarlo anche i bambini, sotto la supervisione di un adulto. Utile per il sughero, è pensato anche per cuoio e materiali simili, anche se ha il difetto di essere dotato di punte troppo deboli, che si piegano dopo qualche impiego, divenendo inutilizzabili.

Se le sue caratteristiche vi hanno convinto, cliccate sul link in basso per sapere dove acquistare questo prodotto.

 

Pro

Set completo: Pebaro mette a disposizione non solo un pirografo, ma anche sei punte, un supporto e due piastre in legno, utili per prendere confidenza con il nuovo oggetto.

Per vari materiali: Potrete incidere il legno, il sughero o anche il cuoio, dato che la potenza è di 30W, sufficiente per materiali del genere.

Per grandi e piccini: Questo oggetto può essere regalato a chi vuole avvicinarsi a questo metodo di lavorazione e anche ai piccoli, che però avranno bisogno della supervisione di un adulto.

 

Contro

Punte: Quelle fornite nel kit sono troppo fragili, infatti si piegano dopo solo qualche utilizzo, costringendo ad acquistarne di nuove.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pirografo R300

 

6. Hobbyland Pirografo R300 a due postazioni

 

Ha conquistato a pieni voti i pareri di molti utenti il modello di Hobbyland, un pirografo R300 che ha come caratteristica quella di essere dotato di due uscite e quindi di due penne. Per questo motivo è indicato soprattutto per chi lo usa in maniera professionale e ha bisogno di eseguire lavori che richiedono un numero maggiore di penne per volta.

L’impugnatura valida è anche molto leggera e il trasformatore, che permette di regolare la temperatura, ha dimensioni compatte, che non costituiscono un ingombro per chi ha bisogno di spazio mentre opera.

Nella confezione è inclusa solo la punta 21, ma il prodotto può montare fino a 20 modelli diversi. Il costo è abbastanza alto, quindi proibitivo per chi non ha un grosso budget, anche perché non si tratta di un set che preveda un grande quantitativo di accessori.

 

Pro

A due postazioni: Questo modello di pirografo prevede due penne e quindi consente di lavorare legno o cuoio senza dover aspettare che il prodotto si raffreddi, per montare la punta giusta.

Impugnatura: Leggera, è facile da tenere in mano e rende più agevole il lavoro.

Trasformatore: Le sue dimensioni sono limitate, per cui non occuperà troppo posto sul piano di lavoro.

 

Contro

Accessori: Nella confezione è inclusa solo la punta 21, anche se il pirografo può montare ben 20 modelli diversi.

Costo: Il prezzo è alto ma è in linea con le caratteristiche di un prodotto professionale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accessori

 

Disegni per pirografo da stampare

 

Norma Gregory Pyrography Designs

 

Il libro di Norma Gregory è utile a chi non ha idea di quali lavori approntare su una superficie: questi disegni per pirografo da stampare sono indicati soprattutto per il legno, visto che l’autrice spiega come crearli, come dare vita alle ombreggiature e offre molti consigli sull’esecuzione corretta.

Nonostante le belle illustrazioni, il libro ha un costo molto contenuto, per cui può essere una bella idea regalo per un amante della pirografia.

Anche se i disegni sono indicati per principianti e professionisti, chi si trova a un livello avanzato, però, sostiene di non riscontrare una qualità eccelsa delle lavorazioni, che sembrano più adatte a chi è alle prime armi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Punte per pirografo

 

Eleoption 50W 1 mm set di 10 punte pirografo

 

Se cercate un set di punte per pirografo, quello di Eleoption si distingue per il suo buon rapporto qualità/prezzo.

Questi elementi possono essere usati con prodotti dello stesso marchio o anche con quelli di altri, purché abbiano una potenza compresa tra i 30 e i 50W.

Costruite con leghe che resistono bene al calore, non soddisfano però il 100% degli acquirenti, in quanto c’è chi sostiene che siano troppo fragili, tanto da piegarsi e diventare inutilizzabili già dopo pochi usi.

Inoltre c’è chi si aspettava di trovare, all’interno della confezione, un’etichetta o l’indicazione del rispetto delle regole CEE, che ne dimostrasse la qualità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere il miglior pirografo

 

Desiderate fare la conoscenza di questo nuovo metodo di lavorazione di materiali come il cuoio o il legno? Seguite le nostre indicazioni, che possono aiutarvi a capire come scegliere un pirografo tale da non dover fare altri acquisti, se non per perfezionarlo.

Il pirografo: cos’è?

Si tratta naturalmente dell’elemento di principale importanza, che consente di realizzare le incisioni, visto che è dotato di una punta fatta con un materiale che diventa subito incandescente. Un aspetto da considerare è proprio la potenza della quale è dotato questo strumento, che più è alta e maggiore sarà il calore prodotto.

In base, poi, alla forma della punta e alla forza con la quale la si poggia sulla superficie da incidere, le linee ottenute avranno diverse forme. Di certo è bene assicurarsi che l’impugnatura sia ergonomica e anche ben isolata, in modo che il calore non si propaghi dalla punta alle mani, con conseguenze poco piacevoli.

 

Un modello per principianti o professionisti?

Molto dipende dal motivo per il quale lo scegliete. Avete intenzione di utilizzarlo come hobby o per realizzare oggetti da rivendere? In base a questo potrete stabilire anche la cifra da spendere: naturalmente un pirografo per principianti non avrà tutte le opzioni in più che offre un modello professionale, ma avrà anche un costo molto inferiore.

Se il budget a disposizione consente di effettuare una scelta più azzardata, potrete godere di benefici come la realizzazione di immagini ricche di dettagli oppure un display che permette di regolare la temperatura, a seconda del tipo di lavoro che intendete eseguire.

Questa funzione, disponibile anche tramite una rotella da far girare a mano, è utile nel caso in cui si debbano trattare materiali diversi, dal legno al cuoio, che richiedono una quantità di calore maggiore o minore, in modo da non rovinarsi.

Inoltre sarà possibile godere di funzioni come il riscaldamento veloce della punta o di sistemi di sicurezza, che bloccano l’erogazione della corrente quando la temperatura raggiunta è troppo alta. In modelli professionali è presente solitamente un’impugnatura in materiali morbidi, come il sughero, anche se la vera chicca sono le punte.

Queste, infatti, sono in una lega detta filo nichelcromo, che garantisce una struttura molto sottile, l’unica in grado di garantire disegni che sfiorino la perfezione.

 

Le dimensioni

Se non si ha a disposizione un piano di lavoro abbastanza ampio, le dimensioni del pirografo possono essere un impedimento all’acquisto. Per questo è bene valutare anche le misure del modello del quale ci si è innamorati.

Un aspetto da tenere in conto, però, è che più piccolo sarà il pirografo e minori saranno le possibilità di realizzare lavori di un certo livello. I modelli più grandi, infatti, costituiscono un ingombro perché hanno in dotazione una postazione, grazie alla quale è possibile regolare con molta precisione il calore prodotto dall’oggetto.

Tuttavia, anche quelli più compatti potranno soddisfare le esigenze di chi non ha bisogno di un pirografo da utilizzare per una questione professionale.

 

Il fattore sicurezza

Abbiamo già parlato dell’importanza di una buona impugnatura, che garantisca un isolamento valido dalla punta. Entrare infatti a contatto con il calore generato dal prodotto non farà altro che causare una brutta ustione.

Per questo è opportuno assicurarsi che il pirografo scelto abbia un sistema di sicurezza tale da bloccare l’emissione di energia quando la punta ha raggiunto una temperatura troppo elevata. Questo vantaggio, purtroppo però, è appannaggio dei soli modelli professionali, in quanto quelli meno costosi costringono a spegnere il pirografo, mancando di tale elemento.

A parte la necessità di tutelare le mani, è importante anche per evitare di rovinare il materiale sul quale si sta agendo.

Un modello ibrido

Molto spesso può capitare di avere bisogno di un oggetto che, da solo, riesca a coprire più necessità: anche nel caso del pirografo, è possibile avere a disposizione un prodotto che, grazie al montaggio e allo smontaggio di vari accessori, si riveli essere molto versatile.

Sarà infatti possibile acquistare una variante con diverse punte, alcune delle quali adatte non solo all’incisione, ma anche alla saldatura o al taglio, importante se si vuole operare su materiali come la pelle.

Un consiglio, in ogni caso, è quello di sperimentare il funzionamento del nuovo acquisto prima di procedere all’uso sul prodotto che si vuole trattare: questo per impedire a un calore eccessivo di rovinare irrimediabilmente un materiale anche costoso.

 

 

 

Domande frequenti

 

Dove si compra il pirografo?

Acquistare un pirografo è possibile sia nei negozi fisici, come Brico, sia online, su diversi siti che mettono a disposizione oggetti di questo tipo. Potrete risparmiare se decidete di optare per la rete, visto che solitamente qui sono presenti molte offerte da cogliere al volo.

 

Come scrivere sul legno senza pirografo?

Volete disegnare o scrivere sul legno senza utilizzare il pirografo? Un metodo interessante è quello di utilizzare una colla come il Vinavil. Prendete il vostro pezzo di legno e iniziate e a stendere la colla sulla sua superficie, magari aiutandovi con un pennello.

Eseguite a matita il disegno che intendete riprodurre: ritagliate il foglio delle dimensioni del pezzetto di legno sul quale intendete trasporre la vostra opera. A questo punto sovrapponete il foglio al legno ed eliminate tutte le eventuali bolle d’aria aiutandovi con una spatola.

Una volta che avrete steso per bene il foglio sul legno, precedentemente riempito con colla Vinavil, prendete una spugna morbida, inumiditela con dell’acqua e iniziate a tamponare la superficie del foglio con delicatezza.

A questo punto passate direttamente il pezzo di legno sotto l’acqua, che inizierà a eliminare tutta la carta: aiutatevi con le dita per grattarla via dalla superficie. Noterete che l’immagine è stata totalmente trasferita: non vi resterà che fissarla, magari con della vernice trasparente.

 

Con che legno si può usare il pirografo?

Se siete principianti, il legno da scegliere per fare pratica deve essere molto tenero: questo anche perché questa tipologia è molto più economica e permette di vedere bene i segni delle bruciature effettuate con il pirografo. Meglio, quindi, la betulla, il tiglio, il pino, l’acero e il frassino, per cominciare.

 

Come trasferire il disegno da eseguire con il pirografo?

In special modo chi è alle prime armi, ha la necessità di posporre il disegno da realizzare direttamente sul materiale sul quale agirà con il pirografo. Potrete farlo realizzandolo con la matita, quindi disegnando sulla superficie di lavoro, se siete pratici ed esperti in materia.

Potrete, invece, utilizzare la carta carbone, da fissare sul materiale di lavoro, e ricalcare il disegno, che andrà così a imprimersi sul pezzo da incidere. Infine, è possibile anche usare una punta per trasferire, che dovrà ricalcare il disegno direttamente sulla superficie di lavoro, che poi andrete a incidere con il pirografo.

 

Quali sono le punte per pirografo in circolazione?

Se volete utilizzare bene un pirografo, dovete conoscere le punte che potete montare e il loro scopo. La più conosciuta è la punta universale, con la quale si può fare un po’ di tutto, ma ci sono anche quella a cono, indispensabile per eseguire scritte e disegni di precisione, e quella piatta, ideale per tratti fini.

Le punte a cerchio e a sfera sono disponibili in diverse misure, in base alle quali è possibile eseguire tratti diversi, che danno profondità al disegno da eseguire. Ci sono poi la punta ovale, che serve appunto per eseguire disegni di questo tipo ed esegue tratti spessi; la punta a triangolo è indicata per creare zone più scure ma anche per imprimere sul materiale segni a forma di triangolo, appunto.

Per decorare, invece, va bene la punta a mezzo cerchio, che può creare combinazioni originali, mentre quella a forchetta serve per creare delle linee parallele. Infine, se dovete eseguire dei tratteggi, potrete usare la punta a coltello.

 

 

 

Come costruire un pirografo

 

Siete amanti del fai da te oppure non volete acquistare un pirografo, ma farlo da soli? Date un’occhiata ai nostri suggerimenti, che possono aiutarvi a costruirne uno con pochi oggetti e qualche nozione non difficile da apprendere.

Il pirografo: cos’é?

Utilizzare il pirografo vuol dire incidere un materiale, come il legno o il cuoio, con un tratto che può essere più o meno profondo, a seconda del calore utilizzato e della forza messa nell’imprimere la punta.

Ce ne sono di due tipi: quello che utilizza il fuoco per riscaldare la punta e quello elettrico. Il primo può utilizzare il cherosene, all’interno di un accendino, per riscaldarsi oppure anche carbone. La temperatura può essere regolata tramite la presenza di un pannello, che consente di mantenerla costante, di aumentarla o diminuirla a seconda del lavoro da eseguire.

Il secondo, invece, sfrutta la corrente elettrica per riscaldare la punta, attraverso la quale lavorare il materiale predefinito.

 

Un modello a corrente alternata

Per costruire un pirografo di questo genere, è necessario prima di tutto procurarsi una resistenza costruita in una lega di nichelcromo, che deve essere arrotolata a una barra o a una punta in ferro. Importante separare queste due componenti utilizzando una lamina di mica: grazie a questa costruzione, la punta del pirografo potrà essere riscaldata.

Servirà anche un trasformatore, al quale la resistenza dovrà essere collegata attraverso due cavi al secondario, mentre il primario sarà connesso a una linea da 220 volt. Per creare poi la parte che dovrà essere impugnata da voi, scegliete un materiale che non conduca il calore, come il legno, e collegate a questo una punta montata su un pezzo in fibrocemento.

Per fermare le parti, sarà sufficiente utilizzare delle semplici viti, che non costituiranno alcun pericolo per chi andrà a usare il pirografo. Il manico in legno dovrà poi essere forato: all’interno si faranno passare i fili, isolati, che saranno collegati al trasformatore.

 

Il trasformatore

Quello necessario per questa costruzione imprimerà la giusta energia ma sarà a bassa tensione, quindi non sarà pericoloso per chi si appresta a usare il pirografo. Indicativamente, le dimensioni di questa cassetta saranno le seguenti: sezione base 12 cm e sezione finestra 15 cm.

I fili, invece, a parte quello da connettere alla 220 volt, saranno uno smaltato da 0,3 mm di diametro e uno ricoperto in cotone da 1,3 mm di diametro. La resistenza in nichelcromo dovrà avere un diametro da 0,35 cm e dovrà essere lunga almeno 25/30 cm.

Dove reperire il materiale?

Il nostro consiglio è sempre quello di consultare il web, ma in questo caso è possibile anche riciclare parti di elementi elettronici che non usate o dovete gettare, per risparmiare qualcosa in più. Potete poi verificare il funzionamento del vostro oggetto, provando la punta su un pezzo di legno o di cuoio, prima di eseguire il lavoro per il quale lo avete pensato.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS